Spiedo veneto di carne mista, ricetta della Trattoria da Sabrina

Un’antica cascina di campagna immersa nel verde delle colline del Prosecco dove riscoprire la semplicità e la bontà della tradizione, è la trattoria denominata “da Sabrina” apprezzata per l’ambiente familiare e per il rinomato spiedo veneto di carne mista di cui proponiamo la ricetta. Lo spiedo veneto a base di carne dell’Altamarca è tra i prodotti tradizionali certificati, per cui è stato elaborato un vero e proprio disciplinare di preparazione.

In trattoria insieme a Sabrina è Daniele a prendersi cura dei clienti (la sua passione è proprio lo spiedo cotto al fuoco) con una cucina che lascia il giusto spazio ai sapori semplici e tradizionali sapendo abbinare in maniera sapiente moltissimi prodotti del territorio; generando dei piatti succulenti e genuini: dalla pasta preparata a mano secondo l’antica ricetta di famiglia ai golosi dolci fatti in casa. Il tutto da gustare nel delizioso giardino con tavoli all’aperto immerso nel verde delle colline del Prosecco.

Come cucinare lo spiedo

Ingredienti (regolare la quantità di carne per numero di persone)

Per gli spiedi:

  • Fette spesse di costine di lonza
  • Carne di coniglio
  • Carne di pollo
  • Lardo a tocchetti e foglie di salvia da alternare alla carne per insaporire e profumare

Per marinare la carne:

  • Vino per insaporire Valdobbiadene di Conegliano, Prosecco Superiore
  • Limone, pepe e sale per la marinatura

Preparazione

La preparazione comincia il giorno precedente: si taglia il maiale, il pollo ed il coniglio in pezzetti di dimensioni simili e regolari (che permetteranno una uniformità nella cottura) per poi metterli sotto marinatura. La marinatura dovrà essere fatta con: olio d’oliva, sale, limone e prosecco Valdobbiadene di Conegliano Superiore DOCG.

Il giorno successivo potrete dunque infilare con lo spiedo i pezzetti di carne alternandoli e inframmezzandoli con lardo e salvia, che conferiranno un profumo ed un aroma ineguagliabili.

Dopo aver realizzato gli spiedi potrete accendere il fuoco. Vi consigliamo di utilizzare della buona legna come il carpino, ideale per le cotture lente e generose di grassi.

Cercate di utilizzare un braciere della stessa lunghezza degli spiedi per far si che la cottura sia uniforme, nell’eventualità fate degli spiedini più corti adattandoli al tipo di barbecue che avete a disposizione per la cottura in modo che tutta la carne si cucini allo stesso modo.

Posizionate gli spiedi sul girarrosto e procedete con una cottura lenta e morbida. Continuate per 5 o addirittura per 6 ore, riservando alla ultima mezz’ora un po’ di fuoco alto per far rosolare la carne.

A fine cottura la carne allo spiedo dovrà essere immediatamente servita: per poterne assaporare le note avvolgenti e speziate dovranno essere servite croccanti e ben calde.

Il vino in abbinamento consigliato è un Kaberlò Rosso Igt provenienza Le Manzane

Tags :