|  | 

Prodotti

Pecorino Carmasciano, formaggio irpino

Stampa Articolo
Cinque produttori per 2000 forme all’anno, parliamo di Pecorino Carmasciano prodotto tipico dell’Irpinia, straordinario territorio della Campania troppo spesso sottovalutato. Siamo nella Valle dell’Ofanto e del Sele, un percorso fatto di natura preservata con cura e spiritualità, un’area ricca di complessi monumentali religiosi che richiamano i tempi antichi, in cui il tempo della chiesa scandiva anche il tempo nei campi.

Da Rocca San Felice, Bisaccia, Sant’Angelo dei Lombardi fino a Conza è la terra del Pecorino Carmasciano, il formaggio prodotto con il latte di pecora di diverse razze tra cui la bagnolese e la laticauda, letteralmente “dalla coda larga”, che è a rischio di estinzione (50000 capi ssull’Appennino Campano).

Questo prelibato formaggio è fortemente condizionato dalle qualità di erbe consumate nell’area di Carmasciano, motivo per cui è prodotto solo da piccole aziende agricole a conduzione familiare e commercializzato ad un prezzo più alto della media. Inoltre il suo gusto caratteristico è dovuto all’influenza dei composti solforati provenienti dalla Mefite (la zona del vulcano spento che sorge nella Valle di Ansanto).

Come si produce il Pecorino Carmasciano

Il latte è messo a scaldare a 40 gradi nel “cacco”, recipiente in cui si mescola continuamente con il ruotolo. Dopo mezz’ora dall’aggiunta del caglio si rompe la cagliata (con il cui siero si produce ricotta) e la parte solida viene lavorata per diventare una massa solida che viene messa nelle fuscelle, i cestelli di vimini dove riposa per 48 ore. Le forme ottenute vengono scaldate in siero caldo, passate al sale e dopo 10 giorni spennellate con olio d’oliva, vino bianco e aceto (in caso di stagionatura dai 6-8 mesi in poi). Il pecorino così ottenuto può stagionare dai 3 ai 24 mesi.

Caratteristiche e sapore

Il Carmasciano stagionato si riconosce per la crosta color marrone, la pasta omogenea con rare occhiature. I prodotti più stagionati possono essere anche grattuggiati, o consumato a fette magari con del buon miele locale.  Al naso profuma di latte, di erba tagliata e fiori. Il suo gusto è delicato, talvolta piccantino.

Dove acquistare

Per la scarsa quantità produttiva il Pecorino Carmasciano si trova solo presso i produttori e spesso su ordinazione.

www.agriturismoforgione.it

www.carmascianodapolito.it

di Marianna Mastropietro

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Un autunno al sapor di Mostarda

    Un autunno al sapor di Mostarda

    Tante le ‘novità di gusto’ proposte alla quarta edizione del Festival della Mostarda, storico ingredienti della tradizione culinaria lombarda Grande successo per il Festival della Mostarda 2018. Giunto alla sua quarta edizione, che si è

  • A Natale regala Caffarel

    A Natale regala Caffarel

    Tra qualche settimana si inizierà a parlare del Natale e Caffarel ha pensato a quattro proposte, ognuna per una ricorrenza da festeggiare. Le luci e gli addobbi decoreranno le nostre città e la calda atmosfera

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website