Aperitivo in montagna: 3 cocktail da degustare nella suggestiva cornice della Val di Non

Una tradizione sfiziosa e prettamente estiva, ma anche in inverno perché non concedersi un bell’aperitivo anche in montagna?

I cocktail da gustare sono diversi in base alle regioni italiane, scopriamo in questo articolo cosa degustare in merito nella suggestiva cornice della Val di Non. Scopriamo quali sono gli aperitivi che fanno più atmosfera e sono tipici del territorio, da provare insieme agli amici.

Prima di svelare i nomi, scopriamo quali sono gli ingredienti più utilizzati in questa zona.

Sicuramente il protagonista indiscusso è lo sciroppo di sambuco, che racchiude la tradizione estiva del cercare le piante e raccogliere i fiori per creare questo prodotto dal meraviglioso gusto estivo. In effetti, da queste parti lo sciroppo di sambuco si prepara in casa e si usa molto per conferire dolcezza all’acqua e ovviamente un fresco profumo.

Un altro elemento di zona è lo sciroppo di lampone, che cresce nella naturale cornice di boschi incontaminati e racconta molto della Val di Non. Fortemente rappresentativo di questa zona, è molto utilizzato per aromatizzare l’acqua e per creare cocktail fruttati. Terzo ingrediente tipico è il vino rosso.

Ecco alcune ricette di questi ottimi cocktail nonesi da bere come aperitivo:

Hugo

Cocktail preparato con 3cl di sciroppo di sambuco, 6 cl di prosecco, 6 cl di acqua gassata, 3 foglie di menta, lime o limone e ghiaccio a cubetti, immancabile negli apertivi.

Meris

In questo caso il protagonista è lo sciroppo di lampone, si prepara con  3cl a cui si aggiunge: 7 cl di prosecco, 5 cl di lemonsoda, 1 fettina di arancia e ghiaccio a piacere.

 S-ciopét

Qui sono sufficienti 10 cl di crodino biondo e 2 cl di vino rosso, preferibilmente Teroldego, proveniente da un vitigno a bacca nera coltivato quasi esclusivamente in Trentino.

Tags :