|  |  | 

In primo Piano Vino News

World Wine Awards: Verdicchio sul podio

Stampa Articolo

Al celebre concorso, promosso dalla rivista Decanter, hanno partecipato quest’anno oltre 17 mila campioni da tutto il mondo, assaggiati da 275 esperti internazionali: tra i vini italiani più premiati, grande performance del Verdicchio marchigiano

Sono i migliori vini bianchi italiani del 2018 secondo il World Wine Awards di Decanter, che li ha premiati con la medaglia di platino. Oltre all’”Aristos Pinot Grigio” della Cantina Valle Isarco (Alto Adige), premiato con il Platinum – Best in Show, ottimi riconoscimenti anche per la  “Riserva Sauvignon Blanc” di Cantina Bolzano, del Costa d’Amalfi DOC “Fiorduva” di Marisa Cuomo (Campania), per la “Vernaccia di Oristano Riserva” di Silvio Carta (Sardegna), per il “Carmignano Vin Santo “Riserva” di Capezzana, per il “ 61 Nature” di Guido Berlucchi e per la “Ribolla Gialla” di Torre Rosazza (Friuli Venezia Giulia).

Tutti vini che hanno strappato un punteggio di 97 centesimi all’ultima edizione del concorso enologico internazionale, promosso dalla celebre rivista britannica. Cinque prodotti quasi tutti da vitigni autoctoni, capaci di esprimere tutta l’originalità dei loro territori d’origine: è il caso della Ribolla Gialla così come della Vernaccia d’Oristano, ma i risultati più interessanti, quest’anno, sono probabilmente quelli del Verdicchio marchigiano. Dopo anni di disaffezione da parte dei consumatori esteri, questo vino versatile e particolare sta finalmente tornando sotto i riflettori di pubblico e critica.

Oltre al platino dato allo storico marchio marchigiano Fazi Battaglia (oggi nell’orbita di Bertani Domains, gruppo di proprietà Angelini), in questo 2018 le soddisfazioni sono venute anche dalle medaglie d’oro assegnate al “Casal di Serra” di Umani Ronchi  e al “Villaia” di Tenute Pieralisi (95/100). Ricco anche il medagliere degli argenti: ben 12 le cantine premiate, tra le quali spiccano il “Podium” di Garofoli, il “Tralivio” di Sartarelli e il Verdicchio di Matelica “Ergon Réwine” di Borgo Paglianetto.

“L’en plein del Verdicchio nella top ten marchigiana di Decanter non è una sorpresa – ha detto Alberto Mazzoni, direttore dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini –  A sorprendere, è invece il salto di qualità di questo bianco. Due anni fa per Decanter erano solo 4 i prodotti con un punteggio minimo di 90/100, mentre oggi la media si è alzata notevolmente: su 26 campioni selezionati ben 15  sono Verdicchio, 13  dei Castelli di Jesi e 2 di Matelica. Un miglioramento della qualità che non poteva passare inosservato alla critica internazionale”.

Elisabetta Tosi

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website