|  | 

Ristoranti

Wine&Food italiano già medaglia d’oro a Londra

Stampa Articolo
In attesa di decretare i campioni dello sport, la Città del Big Ben ha già i suoi vincitori in fatto di Food&Wine. Londra infatti sta diventano sempre più un tempio del Made in Italy enogastronomico.

Accanto alle prestigiose etichette ormai consolidate come Antinori, Argiolas, Gaja, Banfi e Frescobaldi – le griffe più presenti nelle carte dei vini degli indirizzi per buongustai, come appurato di recente in un tour londinese di WineNews – sono tanti i templi del vero italian taste mangereccio.

Da Daniel Boulud e Heston Blumenthal, pluristellati chef ai fornelli del Mandarin Oriental, all’Hotel Corinthia a Trafalgar Square, con la cucina di mare di Massimo Riccioli, fino ad Heinz Beck, che all’Apsleys del Lanesborough sta replicando il successo romano con Heros De Agostinis ai fornelli.

Vera icona del gusto italiano è la famosa Locanda Locatelli (nella foto) o il celebre RiverCafé e il Murano di Angela Harnett a Mayfair.

C’è un po’ di Italia ad ogni angolo. Dalle eccezionali pizze del Franco Manca a Brixton alla brasserie Princi a Soho, entrambi Best new cheap eats. Alain Ducasse ha come pasticciere il napoletano Angelo Ercolano del Dorchester, mentre il cappon magro si mangia al Bocca di lupo.

E poi si va da Polpo, in stile bacaro veneziano, oppure al Latium di Maurizio Morelli per assaggiare la nostra pasta. Per chi esige prodotti bio garantiti Slow Food c’è il bellunese Dolada Riccardo De Prà o il Borough Market, il mercato “rionale” più famoso di Londra.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website