|  |  | 

In primo Piano Vino News

Vinarius: focus sul Natale 2018

Stampa Articolo
L’Associazione delle Enoteche Italiane rivela i risultati del sondaggio condotto sui suoi associati: per il periodo invernale, incrementi attesi tra il 10 e il 15%

A pochi giorni dal Natale, Vinarius, l’Associazione delle Enoteche Italiane, traccia una panoramica delle aspettative di vendita per il periodo invernale e analizza i trend degli ultimi cinque anni durante le feste. 

 “Nel complesso – spiega Andrea Terraneo, Presidente di Vinarius – le aspettative di vendita per il periodo invernale in corso sono ottimistiche, e oltre il 60% dei nostri intervistati prevede un aumento delle vendite con picchi anche del +15%. Inoltre, con riferimento al solo periodo di Natale, negli ultimi cinque anni abbiamo registrato numeri in progressiva crescita per tutte le tipologie analizzate – rossi, bianchi, spumanti e dessert – fino ad aumenti anche del +20%. Questo ci fa ben sperare anche per la stagione appena iniziata”.

Secondo i dati Vinarius, si evidenzia un’ascesa fisiologica per la categoria degli spumanti  (Franciacorta, Champagne e TrentoDoc in primis), che sotto Natale rimangono i vini più richiesti e che, per l’80% degli intervistati, sono cresciuti anche fino al +20%. A seguire i vini bianchi, con Alto Adige e Collio come territori più richiesti (insieme ai vini da vitigni autoctoni dei diversi territori delle enoteche interessate), che per il 65% delle enoteche partecipanti al sondaggio sono cresciuti dal 10 al 20%. Anche i vini rossi crescono, durante il Natale: Brunello, Amarone, Barolo (e i vini da vitigni autoctoni in generale) si confermano i più richiesti, e per il 55% delle enoteche anche questa categoria riporta una crescita compresa tra il +10 e il +20%.  

Buoni risultati, infine, anche per la categoria dei vini da dessert, con il 35% degli intervistati che riporta una crescita compresa tra il +5 e + 10%, con i vini a vitigno Moscato che in generale risultano i più richiesti, seguiti dai vini della denominazione Pantelleria e a dai passiti autoctoni, anche a bacca rossa.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website