|  | 

itinerari enogastronomici

Villa Tolomei

Stampa Articolo

LA DIMORA DI STATO VILLA TOLOMEI TORNA AGLI ANTICHI SPLENDORI

Comfort di ultimissima generazione, 32 stanze a cinque stelle, 18 appartamenti indipendenti e un ristorante di classe per la struttura rinascimentale data in affitto dal Demanio

di Sara Leone

Poco fuori Firenze sulla collinetta di Marignolle sta per tornare agli antichi splendori, una bellissima costruzione rinascimentale, Villa Tolomei, trasformata in una dimora di charme, di proprietà dello Stato italiano, il Demanio per intenderci, e data in affitto per cinquant’anni alla società Exen-Sogea specializzata in attività alberghiera.

La villa, tutta dotata di domotica di nuovissima generazione, alta tecnologia e Spa per gli ospiti, aprirà a breve i battenti al pubblico con 32 stanze a cinque stelle, un ristorante di classe, una piscina e 18 appartamenti per vacanze indipendenti.

Accanto al recupero delle struttura, opera non poco laboriosa visti gli affreschi che adornavano alcune delle stanze e gli ingressi, si è proceduto anche al reimpianto dell’oliveto e del vigneto che caratterizzavano Villa Tolomei come piccola azienda agricola fiorentina. Dai terreni delle villa si ricava già olio – 700 gli ulivi già in produzione – e Chianti prodotto con le uve dei due ettari di vigneto. Ma la ristrutturazione del bellissimo giardino ha rimesso in produzione anche il frutteto che una volta a regime fornirà l’intera struttura.

Fin qui niente di particolarmente innovativo direte voi, ma questa struttura va menzionata perché porta con se un esempio raro di economie di scala di cose pubbliche, di valorizzazione di un patrimonio immobiliare che altrimenti andrebbe perduto. La concessione da parte dello Stato ai privati di strutture quale Villa Tolomei, garantisce la proprietà dello Stato per sempre in cambio i privati a fronte di un affitto di 150 mila euro l’anno si impegnano a restaurare e rimettere in vita con destinazioni d’uso che le valorizzino strutture che molto spesso sono fatiscenti e lasciate nel degrado. Basti pensare che per ripulirla dai detriti del tempo, prima dell’inizio lavori, ci sono voluti ben 25 camion.

Un po’ di storia…

Il passato della Villa Tolomei è degno della vita a Firenze: passata di mano varie volte come dote di agiate fiorentine viene infine ceduta al Comune di Firenze dagli eredi del Marchese Cusani Visconti Botta Adorno, ultimo proprietario nobile. Nel 1961 viene adibita a sede dell’Università europea, la villa passa sotto il controllo dello Stato ma dell’università se ne perde traccia. Poi dagli anni sessanta la dimora viene fatta oggetto di richiesta da parte di vari corpi militari dello Stato ma dal 2000 al 2008, quando è stata trasferita in affitto alla Exen-Sogea, se ne conosce solo la sua triste storia di rifugio per senza tetto.

Oggi un nuovo, vicinissimo, futuro di rinascita come dimora di charme, albergo a cinque stelle per clienti in cerca di relax, buon cibo e vino di qualità.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website