|  | 

Vino News

Vernaccia:da Dante all’iPhone

Stampa Articolo


La storia della dama bianca della Toscana continua. Citata nel Purgatorio oggi si declina in versione App

Dante Alighieri nella sua Divina Commedia ha raccontato del “vizietto” di Papa Martino IV, un amore eccessivo per la Vernaccia, per il quale il pontefice fu costretto a scontare una pena nel Purgatorio, tra i golosi, rivelandoci che la Vernaccia era un vino molto conosciuto e apprezzato in Toscana già ai suoi tempi, tra il Duecento e il Trecento.

Questi e, mostrò col dito, è Bonagiunta. Bonagiunta da Lucca: e quella faccia di Ià da lui più che l’altra trapunta ebbe la Santa Chiesa e le sue braccia: dal Torso fu, e purga per digiuno l’anguille di Bolsena e la Vernaccia (Purg. XIV,19-24).

La Vernaccia di San Gimignano è il primo vino italiano ad aver ricevuto la Doc (Denominazione di origine controllata) nel 1966.

Oggi la dama bianca della Toscana si lancia nel mondo delle App e diventa iVernaccia, l’applicazione gratuita per iPhone, dedicata al territorio di San Gimignano con le aziende produttrici associate al Consorzio della Denominazione San Gimignano. La storia continua!

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website