|  |  | 

In primo Piano itinerari enogastronomici

Valle del Serchio: itinerari del gusto in Toscana

Stampa Articolo

Viaggio nella “Valle del Bello e del Buono”, un territorio incontaminato e dalle atmosfere magiche, ricco di deliziose tradizioni

Tra le alpi Apuane e l’Appennino Tosco-Emiliano, che si estende dalla piana di Lucca alla Garfagnana, sorge un piccolo paradiso che canta tutta la poesia territoriale della regione etrusca: la Valle del Serchio.

Ricca di paesaggi e di storia, la Valle prende il nome dall’omonimo fiume che l’attraversa, offrendo ai propri visitatori un’esperienza irripetibile in termini di arte, natura, cultura e gastronomia. Il paesaggio rurale, soprattutto nella parte più a nord della Valle, la Garfagnana, è un quadro rinascimentale di solari ed eleganti terrazze degli olivi delle ville e delle piccole chiese di campagna, e poi i boschi di querce, castagneti e abeti; un piacere per gli occhi che si traduce, nell’animo del visitatore, in una sospensione del naturale scorrere del tempo.

Non solo occhi, ma anche palato: le eccellenze gastronomiche della zona, infatti, esprimono i profumi e i sapori tradizionali di un territorio diventato punto di riferimento e modello per i menù delle migliori cucine, non solo toscane. Impossibile mancare l’appuntamento con vere e proprie delizie come il biroldo (sanguinaccio a base di maiale, carne e spezie), il pane di patate (patate schiacciate, bollite e cotte nel forno a legna) e il prosciutto Bazzone. E come non lasciarsi sedurre dalla dolce fragranza dei befanini, i biscotti tipici che le famiglie della Valle preparano ancora oggi per un’occasione speciale e molto attesa, soprattutto dai bambini: la festa in onore della befana di Barga (5-6 gennaio), una tradizione che, nel 1897, ha ispirato la poetica mimetico-descrittiva di Giovanni Pascoli. Secondo un’antica ricetta, la stessa che si può trovare nel Resort Ciocco Tenuta e Parco, la preparazione prevede due impasti differenti, uno per i biscotti (farina, zucchero, uova, burro) e uno per il marzapane (mandorle, zucchero, albume, scorza di limone), i quali, una volta cotti, vengono uniti in un sapore indimenticabile.

A proposito del Ciocco Tenuta e Parco: nato nel 1961, è un polo turistico-alberghiero immerso in 600 ettari di parco naturale. Nel ’67, è diventato il primo Resort d’Italia, ponendosi fin da allora l’obiettivo di far vivere autenticamente, lontano dagli stress cittadini, la montagna e le sue tradizioni. Il parco si estende tra Barga e Fosciandora, al confine tra media e alta Valle del Serchio, un’area della provincia di Lucca che arriva fino alla Garfagnana, lungo il bacino del fiume Serchio.

                                       Dove dormire all’interno del Ciocco Tenuta e Parco:

  • Renaissance Tuscany Il Ciocco Resort & SPA

Primo Renaissance Resort d’Europa, 180 camere, una Beauty SPA, attrezzata area wellness ricca di comfort.

  • Chalet

Accoglienti baite in legno per gli amanti della natura, in cui si respira l’atmosfera tipica della montagna senza però rinunciare al benessere; ogni Chalet possiede due camere da letto, bagno, cucina, ingresso indipendente e posto auto.

  • Campus Apartments

Consigliato per le coppie e le famiglie che sognano una vacanza che coniughi libertà di movimento e agiatezza. Le confortevoli residenze, infatti, sono ricavate all’interno di originali strutture rurali completamente rinnovate, immerse nei boschi di castagno.

  • Campus Hotel

Soluzione perfetta per i giovani che amano trascorrere un po’ del loro tempo all’aria aperta, tra escursioni e attività sportive. Costituito da tre strutture che offrono un trattamento di B&B: il College con 22 camere e 37 posti letto, il Belvedere con 28 camere e 51 posti letto ed infine il Monteceneri con 9 camere e 20 posti letto.

                            

                                       Dove mangiare all’interno del Ciocco Tenuta e Parco:

  • Osteria Pizzeria Zi’ Meo

Locale accogliente e molto curato, situato ai piedi della tenuta del Ciocco; il menù prevede taglieri con i prodotti tipici, insalate, crostoni e ampia varietà di pizze cotte a legna, preparate con ingredienti di prima qualità minuziosamente selezionati dalle aziende del territorio. Specialità della casa, la pizza con farina di farro accompagnata dalle birre artigianali del birrificio “La Petrognola”.

  • Pizzeria Gulì

Situata nella Piazza del Ciocco, offre – in un ambiente ospitale – un menù caratteristico con sfiziosi antipasti, prodotti locali ma soprattutto pizze cotte nel forno a legna.

  • Taverna dello scoiattolo

Accogliente baita (aperta su prenotazione) circondata da uno spettacolare paesaggio montuoso caratterizzato da castagneti. È un luogo ideale per chi cerca rifugio e isolamento dai circuiti del turismo di massa all’insegna di una cena suggestiva in compagnia di un’atmosfera calda e avvolgente, intorno al fuoco.

Antonio Sunseri

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • E il  Catarratto divenne “Lucido”

    E il Catarratto divenne “Lucido”

    Dopo due anni di trattative, via libera dal Ministero delle Politiche Agricole alle cantine siciliane per l’utilizzo del sinonimo “Lucido” per le due varietà di Catarratto Grande novità in casa Doc Sicilia. I produttori dell’isola,

  • AICIG

    AICIG

    L’Assemblea Straordinaria dei Soci AICIG si è tenuta il 30 novembre 2018 presso la sala Cavour del MiPAAFT per testimoniare “una svolta storica”, come ha definito Nicola Cesare Baldraghi, presidente AIGIC: coinvolgere non più le

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website