|  |  | 

EVENTI In primo Piano

Una giornata alla fattoria didattica Ruralia

Stampa Articolo

Appuntamento in Sicilia coi segreti della “scuola della biodiversità”. Ospiti d’eccezione il Nero d’Avola e il grano Nero delle Madonie

La Fattoria Didattica Ruralia, la Cooperativa Madre Terra di Gangi e la cantina sociale CVA Canicattì, domenica 24 giugno 2018, invitano famiglie e appassionati a trascorrere un’intera giornata  dedicata ai prodotti di Sicilia, i cui simboli sono il grano e la vite: colture della civiltà mediterranea e rappresentanti, oggi, di una delle migliori risorse del patrimonio mediterraneo e italiano.

Tra le eccellenze autoctone che potranno essere gustate domenica 24 giugno, protagonisti assoluti saranno il Nero d’Avola, re dei vitigni a bacca rossa siciliani, e il Nero delle Madonie, antichissimo grano duro a basso indice di glutine, un tandem vincente che coniuga la preservazione delle tradizionali risorse genetiche con la qualificazione di imprese e prodotti.

Gi ospiti potranno vivere un’esperienza unica già a partire dalle 11.30 con la visita alla fattoria, il grande e accogliente “laboratorio all’aperto” che mette insieme uno stile di vita salutare, il rispetto per l’ambiente e l’amore per la natura. Dopo aver fatto anche un giro a cavallo, alle 12.15 appuntamento con l’Arte bianca dei Grani Antichi, un viaggio che comincia dal chicco e arriva fino al pane attraverso il mulino, l’impasto e il forno a legna. Alle 12 e 45 si passa al mondo del latte e alle sue trasformazioni in ricotte e formaggi, in particolare la tuma, prodotto di punta dell’azienda e protagonista del ricco e genuino menù che sarà possibile gustare a partire dalle 13.30, un puro concentrato di biodiversità: dalla zuppa di grano antico Perciasacchi alla pasta di grano duro con estratto di pomodoro siccagno, mollica atturrata e olio extravergine d’oliva, senza dimenticare il macco di fave con finocchietto selvatico e crostini di pane e i due vini della cantina sociale CVA Canicattì: Nero d’Avola Bio  e Cabernet Sauvignon.

Antonio Sunseri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website