|  |  | 

Cibo News In primo Piano

Turismo enogastronomico, boom in Italia (+10%)

Stampa Articolo

Il Primo Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano è lo specchio di un settore in straordinaria crescita. Toscana, Sicilia e Puglia le mete più desiderate

Il turismo enogastronomico piace sempre di più: 30%, infatti, è la fetta di viaggiatori italiani che si spostano spinti da questa precisa ragione. Un dato che dichiara il nuovo ruolo dell’enogastronomia, che da elemento ‘accessorio’ si è trasformata in una componente in grado di influenzare le scelte di viaggio. Questa, una delle principali evidenze che emergono dal Primo Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano, il quale traccia un quadro su un settore in crescita globale.

Sotto l’egida dell’Università degli studi di Bergamo e della World Food Travel Association, Roberta Garibaldi, esperta a livello nazionale ed internazionale di turismo enogastronomico, ha coordinato l’Osservatorio e promosso la ricerca: “Questo lavoro – ha dichiarato – mette a fuoco un trend in ascesa. Risulta sempre più evidente come la gastromania stia condizionando la scelta dei viaggi. Troviamo un rafforzamento su ogni fronte: ora gli italiani si muovono anche per cercare esperienze legate al cibo e al vino. Un atteggiamento sempre più simile a quello di molti stranieri.”

Il Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina ha invece commentato così: “C’è una domanda crescente di servizi per i turisti del cibo che va soddisfatta di più e meglio. È necessario, quindi, aprirsi ancora, aggiungendo alla qualità e alla sostenibilità la parola multifunzionalità. La ricezione turistica può diventare uno strumento essenziale per avvicinare produttori e consumatori, oltre che essere una voce di reddito aggiuntiva. Abbiamo bisogno di professionisti del cibo che sappiano interagire anche con i turisti e i buyer stranieri.  E il nostro impegno, su questo fronte, andrà avanti, come dimostrato di recente anche dalle nuove regole dell’enoturismo.”

Il 63% dei turisti italiani valuta come importante la presenza di un’offerta enogastronomica o di esperienze tematiche quando sceglie la meta del viaggio. Le esperienze Food più popolari, dopo il mangiare piatti tipici del luogo in un ristorante locale (indicata dal 73% dei turisti), sono visitare un mercato con prodotti del territorio (70%) e comprare cibo da un food truck (59%). La regione più desiderata dai turisti italiani è la Toscana, ma si riscontra un forte interesse per il Sud, in primis Sicilia e Puglia. Molte regioni hanno un potenziale inespresso e non vengono percepite come mete enogastronomiche rilevanti, nonostante siano ricche di eccellenze. Lombardia, Piemonte e Veneto, ad esempio, vantano un’offerta che in termini numerici si colloca immediatamente dietro alla Toscana. Evidenti, quindi, le opportunità di crescita per tutto il movimento.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website