|  | 

Cibo News

Tigri e riserve naturali in India: turismo a discrezione degli enti locali

Stampa Articolo
La corte di giustizia indiana ha revocato il divieto di turismo nelle riserve che accolgono le tigri in tutto il paese ma ha chiesto ai governi locali di regolamentare autonomamente il numero di visitatori massimo. La corte suprema aveva ordinato il divieto assoluto di turismo nel mese di luglio per avere il tempo necessario a formulare nuove direttive. Il divieto e’ stato revocato in questi giorni dopo che il governo ha annunciato nuove norme volte a consentire al turismo di coesistere con la conservazione, secondo quanto riportato dalla Bbc. Secondo le nuove regole non potranno essere realizzate nuove strutture turistiche nelle zone in cui vivono le tigri e solo il venti per cento degli habitat naturali degli animali a rischio estinzione sara’ aperto ai visitatori. L’ India e’ la patria di oltre la meta’ delle tigri del mondo, circa 3.200 esemplari. La maggior parte vive in riserve naturali istituite dal 1970. Centinaia di alberghi e negozi operano all’ interno delle riserve indiane per soddisfare i turisti che affollano i parchi per osservare la fauna generale e il suo piu’ raro esponente. La corte aveva imposto il divieto a luglio, dopo che gruppi di conservatori e ambientalisti avevano protestato contro l’ invasione pericolosa degli habitat della tigre da parte dei turisti. Di contro, i tour operator e le agenzie di viaggi avevano sostenuto che l’ arresto del turismo avrebbe incoraggiato esclusivamente il traffico illecito della fauna selvatica effettuato dai bracconieri.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website