|  | 

Cult

The Marigold Hotel arriva in Italia

Stampa Articolo
L’India un Paese che sconvolge i sensi a tutte le eta’
Il film distribuito è dalla  20th Century Fox
Ah viaggiare …  si viaggia col pensiero, con la fantasia, attraverso i libri, nella realtà e nelle trasposizioni cinematografiche. Ed è proprio nei film che immaginazione e realtà sembrano trovare il giusto equilibrio. Lo trova certamente l’ultimo lavoro del regista John Madden  in  The Marigold Hotel, l’albergo indiano di Jaipur scelto, per diverse ragioni, da un gruppo di eleganti pensionati inglesi desiderosi  di trovare la loro lussuosa residenza futura.
Volo di sola andata per i sette  passeggeri diretti in India. ‘Crede staremo bene?’– chiede Evelyn, vedova sul lastrico al disincantato giudice della Alta Corte – ‘io ho paura come te’ – risponde Graham.  E il sogno di un futuro lussuoso s’infrange sull’ingresso dell’antico albergo, ancora in ristrutturazione. Senza telefono e senza status inizia la ricerca personale dei personaggi del calibro di Judi Dench, Bill Nighy, Maggie Smith, Tom Wilkinson.
Ma in India c’è sempre spazio se si aprono le porte ai sensi e così, lentamente, il Marigold Hotel seduce gli ospiti cambiando le loro vite.
Tratto dal romanzo di Deborah Moggach  “These foolish things”, sceneggiato da Ol Parker.
‘Leggimi nel blog’ – dice Evelyn al figlio preoccupato di non poterla raggiungere telefonicamente.  Un film sofisticato, ironico, intelligente , che dà spazio alla vita, all’individuo e ad un Paese, per la prima volta, raccontato e ripreso senza   stereotipi di ricchezza o povertà. Un’India produttiva, ricca di sfumature, contrasti, ambizioni, desideri e successi al di fuori di Bollywood.
The Marigold Hotel  ci fa pensare ad una moderna proiezione di Sex and the City senza sesso e in chiave agée dove le impensabili storie dei sette personaggi si mescolano alla vita locale.
Non si finisce mai di scoprire il mondo – dichiara l’attrice Judi Dench  in un’intervista – e noi non finiremo mai di raccontarvi il Gusto, le sensazioni,i percorsi, i sapori, i colori che accompagnano nostra filosofia editoriale. ‘L’operatore è occupato, la preghiamo di attendere’  – dice la voce metallica a inizio film – e noi restiamo in attesa del prossimo.
Paola Lui

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Arriva la cucina gourmet-filosofica

    Arriva la cucina gourmet-filosofica

    Gustosi menù filosofici all’insegna della tradizione, a partire dai prodotti tipici modenesi e della cucina dell’Emilia-Romagna, sono stati ideati dal noto accademico e gourmet Tullio Gregory esclusivamente per la rassegna Festivalfilosofia(www.festivalfilosofia.it  seguito da Rai Educational

  • La dieta per dormire

    La dieta per dormire

    Dopo Caronte ecco Minosse. L’afa record fa soffrire di giorno e la notte tiene svegli circa dodici milioni di italiani. Per battere il grande caldo e garantirsi giorni e notti più tranquille è importante non

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website