|  | 

NEWS

RurAlia, la fattoria didattica in armonia con la natura

Stampa Articolo

Al centro della Sicilia, l’azienda agricola riporta l’uomo a stretto contatto con terra, materie prime e animali

Ad Alia, nel cuore verde della Sicilia, tra campi di grani antichi e i legumi dell’orto, i frutteti, il giardino degli aromi e il bosco, c’è un luogo speciale che fa della biodiversità agricola e della cultura della dieta genuina la propria missione.

RurAlia, infatti, è una fattoria didattica, un laboratorio aperto sui prodotti della terra e sull’economia sana che ruota attorno a essi. All’interno dell’aula multifunzionale dotata di biblioteca rurale e cucina, si affiancano all’attività produttiva tradizionale quella culturale, didattica, ricreativa e divulgativa, allo scopo di favorire la riscoperta del contatto con la natura e gli animali, col profumo e i sapori freschi e genuini dei prodotti tipici legati alla cultura contadina: uno stile di vita salutare e in armonia con la natura, pienamente ecosostenibile.

Le attività offerte da RurAlia sono molteplici: la scoperta dei cicli agricoli e alimentari legati alla terra e alla trasformazione del cibo attraverso il Laboratorio di arte bianca; la macinazione dei Grani Antichi e il loro impasto, la lievitazione naturale del pane fresco e la pasta artigianale.

E poi il contatto diretto con gli animali della fattoria e coi segreti di pietanze come la zuppa di cereali e legumi, il macco di fave e finocchietto selvatico, le uova e le frittate, e poi le carni bianche al forno, gli aromi dei formaggi e della frutta fresca, senza dimenticare le conserve, i geli e i dolci della tradizione.

Tutte materie prime che rispettano rigidamente i principi della stagionalità, arrivando per via diretta dai campi dell’azienda, dove vengono coltivati con metodo biologico. Ma il racconto si estende anche ad altri luoghi: dall’aula multifunzionale, infatti, si scorgono le Grotte della Gurfa, scavate dall’uomo in antichità nell’arenaria rossastra e che si possono raggiungere addirittura a cavallo.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website