|  | 

Prodotti

Le sorprese del gusto: Radicchio Rosso di Treviso e Variegato di Castelfranco

Stampa Articolo
Cruditè, dolce, salato o come mostarda e marmellata, il radicchio sa stupire il palato con la sua avvolgente dolcezza e la nota amara che sorge delicatamente sul finale. L’occasione per solleticare le papille è ghiotta e non ci lasciamo scappare l’appuntamento con Roma: Dripping Taste L’Arte nel Piatto: la tappa capitolina del festival ideato dal Gruppo Ristoratori della Marca Trevigiana (Unascom-Confcommercio).

Protagonisti indiscussi della cena a otto mani preparata dagli chef Carlo Pasina, Nereo Dussin, Roberto Franzin insieme allo chef resident dello Sheraton Roma Hotel & Conference Center Donato Savino sono stati proprio il Fiore d’Inverno e la Rosa di Castelfranco: materie prime alla base di una cucina salutistica ed ipocalorica eppure così ricche di sapori e suggestioni che partono direttamente dalla “terra”.

016 DSC 1600

Il Radicchio Rosso di Treviso IGP Tardivo, per esempio, deve essere avvolto dal gelo per almeno due volte prima di cominciare la fase dell’imbianchimento che gli consente di esprimere, nel giro di alcune settimane, tutta la sua originalissima bellezza. La cicoria, una volta raccolta dal campo, viene sistemata in apposite ceste nel buio di lunghi tunnel dove scorre l’acqua di risorgiva del fiume Sile che la nutrirà fino alla nascita di un secondo germoglio, che cresce, protetto dalle vecchie foglie, fino a divenire quel croccante “fiore” dal gusto inconfondibile e dalle spiccate qualità nutrizionali.

E cosa dire poi del Radicchio Variegato di Castelfranco IGP, talmente bello da sembrare una “rosa”, delicatissimo al palato e in grado di soddisfare il gusto dei gourmet più attenti divenendo protagonista di originali menu, dall’antipasto al dolce.

E sono proprio gli chef presenti alla serata di Roma a suggerirci intriganti intepretazioni per portare in tavola un menu tutto a base di radicchio cominciando dalle Polpettine di Baccalà fresco, Radicchio Rosso di Treviso IGP Tardivo e salsa “Opitergium”, per passare poi alla Cacio e Pepe, Radicchio Rosso di Treviso IGP e gamberi bianchi al lime fino al Radicchio Rosso di Treviso Igp arrostito con crema di Pecorino romano DOP e guanciale amatriciano, chiudendo in dolcezza con la Torta di Mandorle e Radicchio con crema alla grappa o crema al passito.

Gli appassionati gourmet della Capitale ora potranno trovare il Radicchio Rosso di Treviso IGP ed il Variegato di Castelfranco IGP, accompagnati da un invitante ricettario tematico, nei punti vendita del gruppo SUPER ELITE coordinati da O.P.O. Veneto, ottima occasione per cimentarsi ai fornelli con un nuova specialità per poi programmare un accattivante tour enogastronomico con il Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso.

di Francesca Maisano

Tags

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Un autunno al sapor di Mostarda

    Un autunno al sapor di Mostarda

    Tante le ‘novità di gusto’ proposte alla quarta edizione del Festival della Mostarda, storico ingredienti della tradizione culinaria lombarda Grande successo per il Festival della Mostarda 2018. Giunto alla sua quarta edizione, che si è

  • A Natale regala Caffarel

    A Natale regala Caffarel

    Tra qualche settimana si inizierà a parlare del Natale e Caffarel ha pensato a quattro proposte, ognuna per una ricorrenza da festeggiare. Le luci e gli addobbi decoreranno le nostre città e la calda atmosfera

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website