|  |  |  | 

EVENTI In primo Piano NEWS

Presentata la prima Guida della collana TavoleDoc

Stampa Articolo

Primo volume della collana dedicata ai ristoranti di qualità su base regionale.
Iniziativa temporale con una formula menu a prezzo fisso per promuovere i valori della qualità a tavola senza compromessi.
Il panorama delle guide enogastronomiche regionali di qualità si arricchisce da oggi di un nuovo, prezioso tassello. TavoleDoc Liguria è il primo volume della collana-novità che seleziona e promuove la migliore cucina regionale con una formula menu democratica e accessibile anche a un pubblico giovane.

L’idea di TavoleDoc Liguria:
Mediavalue Edizioni con il CEO Mario Cucci e un gruppo di 32 ristoratori liguri guidati dallo chef Claudio Pasquarelli del ristorante Claudio di Bergeggi (Savona) hanno dato vita al progetto editoriale pensato per valorizzare la Liguria a tavola, da Ponente a Levante, con tutte le sue anime.
Le 168 pagine della Guida raccontano di cucina, sala, sommellerie e gestione di insegne di livello, sospese tra tradizione e creatività, mare ed entroterra. Ingredienti eccellenti, tecniche sopraffine, ambiente e accoglienza a tutto tondo.
L’iniziativa promette di portare vantaggi sia ai locali aderenti sia agli ospiti. Infatti, nei periodi compresi tra il 15 marzo e il 15 aprile e dal 1 al 31 ottobre 2019 i ristoratori membri proporranno un menu TavoleDoc con tre prezzi fissi a scelta da ciascun socio: 35, 50 e 70 euro a persona. A pranzo e a cena, previa prenotazione, gli ospiti potranno degustare menu completi (antipasto, primo, secondo e dolce) comprensivi di vino, bevande e caffè. Obiettivo di questa bella sfida vuole essere quello di avvicinare il pubblico nella sua accezione più ampia all’esperienza della ristorazione di qualità, capace di dispensare emozioni e ricordi unici, ma anche di farsi volano per la crescita socio-economica del territorio.
La scelta della regione Liguria come prima tappa di questo viaggio del gusto tutto italiano intende puntare i riflettori su un territorio generoso di cultura, materia prima e capacità imprenditoriale che risulta ancora troppo poco apprezzato e incoraggiato.
La Guida:
“L’anima e il gusto della Liguria” sintetizza, già dalla copertina, lo spirito della Guida TavoleDoc Liguria: un mosaico di 32 ristoranti-icona sparsi nelle quattro province della regione, dall’entroterra alla costa.
Quattro pagine raccontano ciascuna realtà: la prima con una scheda descrittiva, le informazioni di servizio e una foto dell’ambiente, affiancata a un ritratto a tutta pagina dei protagonisti (chef, patron). La doppia pagina che segue è interamente consacrata alla proposta enogastronomica del ristorante, con testo e foto di una ricetta simbolo, accompagnata dal consiglio sul vino ideale in abbinamento, preferibilmente della zona, completo di etichetta e scheda tecnica. L’immagine del piatto a colori fa bella mostra di sé in ultima pagina.
TavoleDoc Liguria esordisce con una prima tiratura di 15.000 copie, distribuite in omaggio presso tutti i ristoranti aderenti all’iniziativa e numerosi hotel liguri in collaborazione con Regione Liguria. Il volume sarà inoltre in vendita online attraverso il sito tavoledoc.it e i canali di vendita di libri online.
Grazie al successo riscosso fin da subito dall’iniziativa, TavoleDoc nasce come collana di guide regionali alla ristorazione di qualità. Dopo la pubblicazione della prima uscita, l’editore Mediavalue ha già posto le fondamenta per il secondo volume, TavoleDoc Sicilia, la cui uscita è programmata per la fine di ottobre 2019.

I protagonisti:
Mediavalue, agenzia di comunicazione e casa editrice specializzata nel mondo food&beverage, è l’editore di TavoleDoc Liguria che ha dato il via a questa iniziativa ricercando e vagliando le adesioni dei ristoranti in tutto il territorio ligure.
Mario Cucci, CEO di Mediavalue, racconta: “Abbiamo accettato la sfida di editare una guida che possa coprire una mancanza nell’editoria italiana, ovvero che vanti una presenza territoriale regionale e lanci un’iniziativa promozionale utile per i ristoratori e per gli avventori”.
Il giornalista e critico enogastronomico Elio Ghisalberti firma la direzione editoriale del volume, l’intervista di apertura allo chef Claudio Pasquarelli, co-ideatore del progetto, e l’editoriale Liguria da scoprire. “Normalmente l’inserimento nelle guide gastronomiche è una forma di immagine e prestigio, che nel tempo si auspica si possa tramutare in un aumento del numero dei coperti e delle presenze. Attraverso l’iniziativa e la guida regionale TavoleDoc il riscontro è immediato e tracciabile, dato che i clienti devono prenotare specificando l’adesione all’iniziativa”.
Il giornalista e scrittore ligure Roberto Perrone, promotore e presentatore dell’iniziativa, ricorda come l’immagine della ristorazione ligure sia troppo spesso maltrattata dalle guide blasonate e lasciata nel dimenticatoio.
Sergio Circella, patron del ristorante La Brinca, racconta: “La cucina ligure negli ultimi anni sta facendo dei passi da gigante e questa iniziativa è fondamentale per fare finalmente rete tra i ristoratori”. Il figlio Simone: “Ho recuperato la tradizionale ricetta del pesto di mia nonna realizzato al mortaio e oggi la propongo al ristorante, abbinandola a piatti gourmet: una veste moderna a un pezzo della nostra storia”.
Cinzia Mattioli e Paolo Alberelli del ristorante Doc, nucleo fondativo di TavoleDoc, dichiarano: “Finalmente una prima iniziativa che riguarda un pubblico oltre regione, nazionale”.
Ivano Ricchebono del ristorante The Cook afferma: “Sono spesso sotto i riflettori della tv, ma finalmente questa iniziativa mette in luce tutta la ristorazione della regione e non i singoli chef”.

TavoleDoc Liguria si fregia della collaborazione di cinque aziende sponsor : Frantoio di Sant’Agata d’Oneglia, RO.S., Santagata 1907, Timossi, Vranken-Pommery Italia.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website