|  | 

Pizzerie e Trattorie

Obikà Mozzarella Bar

Stampa Articolo
Un concept che strizza l’occhio ai sushi bar, piatti a base di mozzarella di bufala, presidi Slow Food e più di venti location da New York a Tokyo. Questo è dal 2004 Obikà, qualità made in Italy in tavola, ristoranti in location strategiche adatti a un pasto veloce ma gustoso. Il tutto ruota attorno alla Mozzarella di Bufala Campana DOP proposta nelle tre versioni di Paestum, aversana e affumicata con paglia vera, mentre l’altro cavallo di battaglia è la pizza, realizzata con farina Petra del Molino Quaglia, con una lievitazione di 48 ore e cottura su pietra refrattaria, che conferisce buona consistenza e leggerezza all’impasto, lasciando tutti gli aromi integri.

In menu poi primi, secondi e dessert sempre nuovi e sempre affiancati da prodotti Presidio Slow Food, da quest’anno infatti Obikà è entrata a far parte dell’Alleanza tra i Cuochi e i Presidi, che valorizza prodotti di nicchia tra cui si trovano la Mortadella di Prato, il Violino di Capra della Valchiavenna e lo Speck di Trota del Trentino.

La pasta invece è quella di Gragnano condita da veri pomodori San Marzano, e ancora caponata, ‘nduja, stracciatella e per concludere dessert tradizionali arricchiti sempre da una punta di originalità.

Obikà è una realtà presente in tutto il mondo, che lavora con materie prime sempre fresche (ad esempio la mozzarella nel ristorante a Tokyo arriva tre volte alla settimana) mantenendo così uno standard di gusto e originalità che riesce a soddisfare i palati più diversi partendo dalla semplicità della cucina tradizionale del nostro territorio.

Le curiosità
Obikà fa il verso ad una parola giapponese, ma in napoletano Oh-be-kah vuol dire “eccolo qua”.
Il fondatore di Obikà, Silvio Ursini, è sempre alla ricerca di proposte gastronomiche, a volte dimenticate, come il “butirro”, un caciocavallo con un cuore di burro duro.
I ristoranti in giro per il mondo hanno tutti la stessa proposta gastronomica, a variare però sono le porzioni, in Italia una mozzarella pesa 120 g circa, in Giappone 80g.

di Marianna Mastropietro
foto e video di Matteo Desiderio

 

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website