|  | 

Degustazioni

Muffato della Sala Umbria IGT Castello della Sala, Antinori 2008

Stampa Articolo
Il Muffato della Sala, prodotto dalla Cantina Antinori presso la tenuta umbra di Castello della Sala, è un’esperienza sensoriale ineguagliabile!

La sua particolarità sta nella ricercatezza poiché, se è pur vero che ogni vino è un prodotto a sé stante, quello dell’azienda del Marchese Antinori si concretizza solo in condizioni climatiche particolari, in cui il giusto equilibrio tra umidità e calore permette la formazione della Botrytis Cinerea: una muffa nobile che si attacca gradualmente agli acini, privandoli dell’acidità e lasciando solo la dolcezza.
I vigneti di Grechetto, Drupeggio, Traminer e Riesling si ergono su una superficie di 160 ettari a 200-400 metri sul livello del mare, affondando le radici in un suolo argilloso e ricco di fossili del Pliocene, di origine sedimentaria e vulcanica.
I primo prototipo di questo nettare divino risale al 1971; si chiamava Muffato della Sala Abboccato ed era un blend di uve miste tradizionali, quali il Procanino (clone del Trebbiano umbro) e il Grechetto. Solo in seguito si decise di ampliare le coltivazioni di Orvieto, integrandole col Sauvignon e il Semillon, più adatte alla botritizzazione.
Da quel momento passeranno quindici anni prima di stappare, nel 1986, la prima bottiglia di Muffato della Sala! Quello che abbiamo bevuto noi è del 2008.

Castello della Sala

Castello della Sala

Le uve usate hanno tutte, inevitabilmente, una buccia spessa; vengono raccolte manualmente e sottoposte ad una ferrea cernita. Alla pigiatura senza diraspatura, segue la pressatura e la fermentazione del mosto (per 18 giorni ad una temperatura di circa 17°C). Infine il vino viene lasciato cullare in barrique di rovere francese per circa 6 mesi e infine imbottigliato.

Degustazione

Pur essendo un vino dolce non ha nulla a che fare con Vin Santo o col Moscato di Noto, poiché è stato appositamente studiato per essere beverino, dotato del giusto equilibrio iodato tipico del muffato ma al contempo fresco, con note fruttate e agrumate.
Ha un brillante color fede nuziale, e ben si sposa con formaggi, cioccolata fondente di Modica e dolci secchi.

 

Muffato della Sala Antinori

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website