|  |  | 

Cibo News In primo Piano

Mozzarella di Bufala in 3D protagonista a Parigi

Stampa Articolo
Grazie alla realtà aumentata, il Salone Internazionale dell’Alimentazione ha scoperto lo straordinario lavoro dell’intera filiera, dal latte al prodotto finale

È stata la prestigiosa cornice del Salone Internazionale dell’Alimentazione di Parigi a segnare il debutto di un’esperienza che ha unito il “saper fare” artigianale italiano alle nuove tecnologie: parliamo di Mozzarella di Bufana Campana Dop in 3D, un affascinante viaggio nel mondo di uno dei più celebri e apprezzati prodotti italiani grazie la magia moderna della realtà virtuale. Un’esperienza unica nel suo genere, voluta dal Consorzio di Tutela e allestita presso lo stand del Salone con una postazione con visori 3D interamente dedicata alla filiera della bufala campana, dal latte al prodotto in tavola.

“Abbiamo scelto di presentare in una rassegna importante un vero e proprio percorso emozionale alla scoperta della filiera bufalina – ha commentato il presidente del Consorzio, Domenico Raimondo – Utilizzare le nuove tecnologie per raccontare una tradizione secolare è un mix che sta suscitando notevole interesse”.

Una vetrina di assoluto richiamo, quella rappresentata dal Salone di Parigi che si è svolto tra il 21 e il 25 ottobre: per questo, il Consorzio ha voluto esaltare ulteriormente il Made in Italy con un focus sulla pizza interpretata da Franco pepe, il miglior pizzaiolo del mondo, che ha scelto di raccontare al Sial la sua ultima novità, il menu funzionale.  “Il progetto – ha spiegato Pepe – nasce dall’esigenza di portare la salute in tavola, ponendo l’attenzione sul giusto equilibrio tra i macronutrienti, carboidrati, proteine e lipidi attraverso la Dieta Mediterranea”.

La Mozzarella di Bufala Campana Dop, d’altronde, risponde appieno alle esigenze salutiste: una porzione da 100 g fornisce circa il 40% dell’apporto di calcio, inoltre contiene  pochissimo sale (0,2%) e lattosio (0,4 %), mente è una miniera di micronutrienti (vitamine e sali minerali) come, ad esempio, la vitamina B12.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website