|  |  | 

Cibo News In primo Piano

Melegatti: l’azienda produrrà i suoi panettoni anche quest’anno

Stampa Articolo

Gli ultimi anni per Melegatti sono stati difficili, ma anche quest’anno la storica azienda dolciaria produrrà i suoi panettoni, grazie alla famiglia vicentina Spezzapria, che controlla la Forgital Group, specializzata nella forgiatura dei metalli.

Denis Moro, il manager dell’impresa acquirente, ha offerto 13,5 milioni di euro per rilevare il brand dell’azienda veronese.

La nuova strategia di Melegatti, punta a riportare il prima possibile sia in Italia che all’estero il famoso pandoro, il panettone e i vari prodotti dolciari. Attraverso un piano di sviluppo miriamo a far crescere l’azienda caratterizzandola per la continua ricerca delle migliori soluzioni innovative. Siamo pronti a scrivere nuovi capitoli della storia della Melegatti”. Questo è quanto afferma il nuovo presidente Spezzapria.

Dal 2016 l’azienda ha avuto problemi economici, a causa della grande concorrenza di Bauli e all’investimento per l’apertura di un nuovo stabilimento di croissant, destinato a produrre dolci tutto l’anno e non solo durante il periodo natalizio. La crescita della grande distribuzione ha ridotto i margini di profitto. Nel 2016 la Melegatti aveva un fatturato di 70 milioni di euro e nel 2018 debiti pari a 50 milioni di euro. Lo scorso anno, partì una campagna di solidarietà che invitava gli italiani ad acquistare i panettoni dell’azienda madre, ma a maggio, purtroppo, la Melegatti ha dovuto arrendersi.

L’azienda veronese che esiste dal 1894, e alla fine dell’Ottocento brevettò il pandoro, anche quest’anno fortunatamente, grazie all’acquisto della società vicentina, partirà con la campagna natalizia e con l’assunzione di 35 lavoratori.

La Melegatti per valorizzare le competenze interne e costruire un team affiatato e focalizzato sugli aspetti produttivi, riassumerà a tempo indeterminato 26 persone, di cui 16 impegnate nella produzione e 10 negli uffici amministrativi e commerciali. A queste si aggiungono 9 assunzioni, per lo più ex dipendenti Melegatti che così rientrano in azienda. Coloro che non rientrano in questa prima tornata di assunzione potranno essere coinvolti nei prossimi mesi.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website