|  | 

Cibo News

Le cucine italiane ai tempi della crisi: studio Coldiretti/Censis

Stampa Articolo
Con la crisi si torna in cucina ai fornelli dove in media gli italiani trascorrono 56 minuti al giorno nei giorni feriali che salgono ad oltre 69 minuti la domenica o nei giorni festivi. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Censis dalla quale si evidenzia che nell’ ultimo anno ogni italiano ha dedicato alla preparazione dei pasti un tempo pari a 11 giorni, che significa oltre sette ore alla settimana. Il cambiamento – sottolinea la Coldiretti – si e’ fatto sentire nella spesa alimentare dove in controtendenza rispetto all’ andamento generale, in calo del 3 per cento per gli alimentari in quantita’, aumentano gli acquisti di prodotti di base. Secondo le elaborazioni Coldiretti su dati Coop Italia si registra l’ aumento record degli acquisti in quantita’ di farina (+8,3 per cento), uova (+5,3 per cento) e grassi come il burro (+2,8 per cento) nel primi nove mesi del 2012. Una tendenza che riguarda anche la colazione che sempre piu’ spesso viene preparata e consumata tra le mura domestiche come dimostra – continua la Coldiretti – l’ aumento degli acquisti di fette biscottate (+5,9 per cento), caffe’ macinato (+3,3 per cento), miele (+1,9 per cento) e marmellate (+0,9 per cento). Oltre 21 milioni di italiani dichiara di preparare alimenti in casa come yogurt, pane, gelato o conserve e di questi oltre 11,2 milioni di persone lo fanno regolarmente con il ritorno dell’autoproduzione di alcuni cibi, che sembrava fosse destinata a perdersi, come residuo di un’epoca ormai lontana di impronta contadina, secondo l’ indagine Coldiretti/Censis. Il ritorno alla preparazione casalinga dei pasti ha favorito il boom delle pubblicazioni, delle trasmissioni e dei motori di ricerca dedicati all’ alimentazione. Oltre il 29 per cento degli italiani dichiara di fare ricerche sul web per confrontare prezzi, qualita’ dei cibi, secondo l’ analisi Coldiretti/Censis dalla quale si evidenzia che si tratta di un numero non lontano da 15 milioni di persone nel complesso ed in particolare sono oltre 5,7 milioni a farlo regolarmente. Nascono come funghi i siti web che dispensano consigli sugli acquisti di prodotti alimentari e sulle loro caratteristiche ai 415 mila italiani che dichiarano di partecipare regolarmente a community sul web centrate sul cibo, mentre sono complessivamente oltre 1,4 milioni quelli che ci partecipano, comprendendo coloro che lo fanno di tanto in tanto. Ma c’ e’ anche un italiano su quattro che trascorre il tempo nel giardino o nell’ orto a coltivare in proprio di erbe aromatiche, fiori, ortaggi e frutta per se o da donare agli amici. L’ accresciuta attenzione all’ alimentazione si manifesta anche con il boom dei mercati degli agricoltori dove hanno fatto la spesa ben ventuno milioni di italiani nell’ ultimo anno per garantirsi prodotti sani del territorio con il miglior rapporto qualita’ prezzo. In Italia – conclude Coldiretti – sono 1.105 mercati degli agricoltori, inseriti in una rete di vendita diretta sul territorio della quale fanno parte 4.739 aziende agricole, 877 agriturismi, 178 botteghe per un totale di 6.899 punti vendita di campagna Amica ai quali si aggiungono 131 ristoranti e 109 orti urbani.

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • FORMAGGIO STELVIO DOP

    FORMAGGIO STELVIO DOP

    Lo Stelvio è l’unico formaggio dell’Alto Adige che può vantare dal 2007 l’ambita Dop che certifica la qualità e l’autenticità del prodotto. Lo Stelvio DOP è un pregiato formaggio vaccino di montagna, ispirato alla migliore

  • SPECK ALTO ADIGE IGP

    SPECK ALTO ADIGE IGP

    Lo speck appartiene all’Alto Adige esattamente come le montagne, le mele e il vino. Unico nella produzione e nel gusto, con la sua affumicatura leggera e la sua stagionatura all’aria fresca è conosciuto dai buongustai

  • MELA ALTO ADIGE IGP

    MELA ALTO ADIGE IGP

    Le mele dell’Alto Adige maturano in condizioni ottimali: aria fresca e pulita, terreni fertili, clima ideale e sistemi di coltivazione in armonia con l’ambiente. Con i suoi 18.400 ettari l’Alto l’Alto Adige rappresenta la più

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website