|  | 

Prodotti

La Maresina di Valdagno, un'erba dal sapore speciale

Stampa Articolo
Quando si parla di tipicità del territorio, di solito si pensa ad un ortaggio particolare, ad una ricetta strana o ad un vino caratteristico. Ma che dire quando il prodotto tipico è un’erbaccia selvatica, che diventa una specie di simbolo gastronomico e che ottiene addirittura la De.Co. (Denominazione d’Origine Comunale)?

Bene: è quello che accade a Valdagno, in provincia di Vicenza, con la maresina.

Il suo nome scientifico è Tanacetum parthenium, della famiglia delle Asteraceae (per intenderci, quelle piante che hanno fiori simili alle margherite). Può arrivare anche a circa un metro d’altezza e la forma delle foglie ricorda quella del prezzemolo. È da secoli nota un po’ in tutta Europa per le sue presunte doti medicinali, che la facevano ritenere un toccasana per dolori di vario tipo, specie quelli mestruali, e per la febbre. Il termine maresina sembra derivi dal tedesco mutterkraut (erba della mamma).

Si può dire che è una pianta comune, un’erbaccia appunto, quasi infestante. Ma le foglie hanno un tipico sapore amaro ed un profumo intenso che la rendono, di fatto, un’eccellente erba aromatica. A Valdagno, è entrata a far parte del bagaglio culinario locale con la famosa frìtola, una frittella di riso e farina, impastata con foglie di maresina. La frìtola è il piatto delle feste, delle sagre e dei passeggi, la leccornia da portare a casa dalla friggitoria, insomma è lo street food del posto.

Le foglie si possono usare per insaporire altri cibi, come pasta, gnocchi, i sughi usati per condirli, e tutto quello che può suggerire la fantasia del cuoco. Da qualche tempo è nata la Confraternita della Maresina, che si occupa di promuoverne l’uso in altri ambiti culinari, come nella produzione della birra, nell’aromatizzazione del formaggio e persino della cioccolata. Non c’è che dire: niente male per un’erbaccia! La maresina è di facile coltivazione e reperibilità, è una pianta perenne e la si può tenere anche in vaso sul terrazzo, tutto l’anno.

Scopri la ricetta della frìtola con la maresina!

di Gianluca Vecchi

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Asiago, il Consorzio in campo per beneficienza

    Asiago, il Consorzio in campo per beneficienza

    La denominazione d’origine protetta sostiene con una donazione l’impegno per preservare il futuro delle millenarie tradizioni casearie Contribuire a salvaguardare il futuro delle malghe e dei pascoli dell’Altopiano di Asiago duramente colpiti dalla tempesta che,

  • Tartufesta, il festival dedicato al tartufo!

    Tartufesta, il festival dedicato al tartufo!

    Non sfoggiano l’allure della costa e l’eleganza composita delle importanti città d’arte dell’Emilia Romagna. E neppure si respira l’atmosfera country-chic, un po’ campagna un po’ centro benessere, che aleggia sulle non distanti mete termali del

  • Il dolce Natale di Distillerie Berta

    Il dolce Natale di Distillerie Berta

    Pregiati liquori dagli aromi seducenti e un soffice panettone dal cuore morbidissimo: tutte le idee regalo della storia distilleria piemontese Arriva il Natale, tempo di regali, sopratutto per gli appassionati gourmet. Distillerie Berta, storica azienda

1 Comment

  1. Salvatore Messina

    perché erbaccia visti tanti elogi

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website