|  |  | 

In primo Piano Vino News

Inseguendo Donnafugata

Stampa Articolo

In collaborazione col FAI, la mostra milanese delle opere di Stefano Vitale che hanno dato vita alle iconiche etichette del celebre brand del vino siciliano

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano e Donnafugata presentano a Villa Necchi Campiglio, dal 16 maggio al 22 luglio 2018, la mostra INSEGUENDO DONNAFUGATA. Le illustrazioni di Stefano Vitale, il vino e la Sicilia, dialogo tra arte, musica, vino e letteratura che prende forma lungo un percorso multisensoriale tra gli ambienti della Villa. Nel cuore di Milano, i visitatori prenderanno così parte a un’avventura di colori, profumi e sapori della terra e del mare di Sicilia, dalle pendici dell’Etna fino alle scogliere a picco di Pantelleria.

In mostra, i disegni e le illustrazioni originali dell’artista Stefano Vitale: piccoli tesori coloratissimi, dal forte potere espressivo ed evocativo, vere e proprie “visioni”, che hanno dato vita alle etichette Donnafugata e che raccontano il vino e la Sicilia attraverso un linguaggio fantastico e femminile straordinariamente identitario. Osservando le opere e assaggiando il vino, ultima ma fondamentale tappa del percorso, si coglierà la perfetta sintonia tra illustrazione e oggetto, tra contenitore e contenuto, tra artista e produttore.

Il progetto espositivo, curato da Lorenzo Damiani, ha la struttura di un racconto che mette in scena la storia di una famiglia che, con capacità e passione, ha saputo valorizzare la coltivazione della vite nel rispetto dell’ambiente e del territorio, nobilitando la produzione del vino. Come in un film corale, i protagonisti si alterneranno nelle foto di Guido Taroni e nelle video-interviste di Virginia Taroni, che integrano il percorso espositivo. Si parte da Gabriella e Giacomo Rallo, fondatori di Donnafugata, nome che deriva dal più siciliano dei romanzi, Il Gattopardo: un sogno tradotto in un progetto d’impresa. A chiudere la mostra, un tributo al legame che unisce il FAI e Donnafugata: l’ultima illustrazione realizzata da Vitale raffigurante il Giardino Pantesco, che nel 2008 Giacomo Rallo ha donato al FAI, simbolo del comune impegno per l’educazione alla bellezza e all’armonia tra l’uomo e la natura.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website