|  |  | 

EVENTI In primo Piano

Hotel Signum di Salina, primavera di gusto

Stampa Articolo

Dal 20 al 22 aprile, un week-end enogastronomico con produttori e artigiani del gusto provenienti da tutta Italia per salutare l’inizio della bella stagione

“Prima dell’estate/Prima dell’inverno”: è questo il nome dell’originale evento enogastronomico proposto dall’Hotel Signum di Salina. Un’occasione per salutare l’inizio della bella stagione e confrontarsi sui temi legati al cibo e al vino, con incontri e scambi di opinioni  a tema culinario ed enoico, in compagnia di produttori e artigiani del gusto. A ospitare l’evento, l’incantevole hotel gestito dalla famiglia Caruso, con la sua terrazza e i suoi giardini, una perla nel Mediterraneo.

Il via all’evento è fissato per venerdì 20 aprile, con la cena firmata da Martina Caruso, chef resident e giovane talento della scena culinaria nazionale, elogiata dalla critica come una delle migliori interpreti dell’alta cucina e premiata con una stella Michelin. Impasti e lievitati saranno i protagonisti del dopocena con il maestro panificatore Davide Longoni, che illustrerà la sua arte e coinvolgerà, mani in pasta, tutti gli ospiti. Il panificio Longoni, storica insegna meneghina, è rinomato per la qualità delle sue farine e dei suoi lievitati. Lievitazione naturale da pasta madre, con farine macinate a pietra e sale marino integrale: questo, l’unico segreto del pane Longoni.
Il sabato sarà invece dedicato ai lievitati: gli ospiti potranno assistere e partecipare in prima persona alla trasformazione in pane e focacce dell’impasto preparato la notte prima, un momento conviviale in cui Davide Longoni svelerà tutti i momenti che si celano dietro la produzione. Parte della giornata sarà inoltre consacrata al vino. In degustazione, i vini in Anfora del progetto “Ancestrale” di Nino Caravaglio e Giuseppe Mascoli; i vini della cantina Riofavara, dal “sapore genuino” di Sicilia e, dall’Etna, le bottiglie di Barone di Villagrande, con la loro “eleganza invidiabile” che rievoca i naturali sapori della tradizione. Nel pomeriggio, ci si sposterà al Ghiommero, l’incredibile casa-laboratorio-cantina, sede del progetto “Ancestrale”. Alla visita, seguirà la preparazione della granita col metodo tradizionale per mano di Giovanna Musumeci. Al tramonto, sulla terrazza del Signum, Panarea e Stromboli faranno da sfondo a una degustazione in cui Luca Caruso e Mateja Gravner guideranno gli ospiti alla scoperta di annate storiche della cantina Gravner e dei vini in anfora della cantina De Bartoli.

Protagoniste del sabato sera sarà ancora Martina Caruso insieme a Caterina Ceraudo, con un percorso gustativo in cui la cucina della chef residente accoglierà l’altrettanto eccezionale collega calabra: 1 stella Michelin, donna chef 2017 per la guida rossa e attualmente al timone della cucina del ristorante di famiglia, il Dattilo di Strongoli. Una serata che sa di futuro, con due giovani donne talentuose e meridionali la cui arte culinaria non potrà che sorprendere.

L’evento è stato ideato Pasquale Bonsignore di INCUSO, e da Valentina Vitale di Italia Cibum, due realtà impegnate nella preservazione e valorizzazione del Made in Italy gastronomico.

Salvatore Spatafora

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website