|  |  | 

EVENTI In primo Piano

Gustariso, in riso veritas

Stampa Articolo
Tutto pronto per la IV edizione della kermesse gastronomica. Sullo sfondo di Paullo e del territorio a sud di Milano, si celebra il riso Carnaroli

Torna “Gustariso, in riso veritas”, la rassegna gastronomica nata per celebrare il re dei risotti, il Carnaroli, proprio nella città dove, nel 1945, fu selezionato per la prima volta. Sarà Paullo, infatti, a pochi km a sud-est di Milano, lo scenario della quarta edizione della kermesse, insieme ad altri comuni nei dintorni del capoluogo meneghino, tra il lodigiano e il cremasco.

Gustariso, che prenderà il via venerdì 26 ottobre per concludersi domenica 25 novembre, è un evento gourmet che intende valorizzare uno dei protagonisti della cucina italiana attraverso un mix unico tra la fantasia dello stile contemporaneo e i sapori della tradizione.

Tante le ricette speciali, ben 33, che sarà possibile provare tra gli 11 ristoranti aderenti. Alcuni esempi? il Riso Carnaroli alla Lodigiana con zafferano, salsiccia e Rusticone, oppure le Pepite di Carnaroli alla burratina e salsa di pomodoro fresco, o ancora alle Cialde di riso e ceci alla curcuma con spezzatino di ossobuco al limone e basilico.

Alle prelibatezze ideate dagli chef, l’edizione 2018 presenterà anche alcune novità. Come l’introduzione nelle preparazioni, accanto al classico Riso Carnaroli del Distretto Rurale Riso e Rane, del Riso Carnaroli Gran Riserva, stagionato dai 12 ai 18 mesi e che, grazie al lungo riposo, acquisisce un sapore caratteristico e una maggiore resistenza alla cottura. Si tratta di un riso di qualità assoluta e non facile reperimento, tanto da meritarsi la denominazione di Riso da Meditazione. In aggiunta, quest’anno Gustariso celebrerà anche tutti i prodotti di qualità e a Km 0 che rendono speciale il territorio a Sud di Milano: nei menù dei ristoratori aderenti al mese di festa, si potranno così gustare tanti ingredienti genuini e realizzati artigianalmente, dai salumi ai tipici formaggi lombardi, senza dimenticare i prodotti dell’orto.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website