|  | 

Ristoranti

Giulia project La Valletta, Malta

Stampa Articolo
Abbiamo già conosciuto il giovane Chef Elio Caramma, o più poeticamente chiamato Crazy Elio Chef per le fantastiche Parancine, personale ricetta dedicata a sua maestà l’Arancina!
Il suo viaggio per il mondo continua e questa volta ha portato i leggendari profumi palermitani direttamente a Malta.

Quando mi ha inviato la posizione geografica non mi sono stupita , conosco la sua voglia di esplorare nuove mete e far conoscere sempre di più la sua cucina dai sapori tradizionali ma dalle tecniche innovative .

Scopro che la cucina maltese è il risultato di lunghe relazioni tra gli abitanti e i molti invasori che hanno occupato le isole maltesi nel corso dei secoli. Questo matrimonio di sapori ha dato oggi un eclettico mix di cucina mediterranea. Anche se la ristorazione è composta di un mix di ristoranti di specialità, ce ne sono numerosi che offrono o sono specializzati nella cucina locale, servendo le proprie versioni delle varie prelibatezze.

Questa volta il nostro Crazy chef ha scelto la capitale di Malta, La Valletta per tuffarsi in un nuovo progetto che ha un bellissimo nome: Giulia.
Giulia , il ristorante di cui totalmente si è rivoluzionata la gestione e la cucina si trova precisamente in Mattia Preti Square.

Tante novità per questo locale a base di piatti italiani sapientemente preparati dallo chef palermitano che darà il suo tocco originale e personale con estro e fantasia. Nuovo menù e serate a tema, iniziando proprio con una cena tipica romana i primi di aprile e già i riscontri positivi non tardano ad arrivare.

Località turistica, frequentata da molti italiani e inglesi , apprezzeranno sicuramente gli ottimi piatti di cui Vi diamo un assaggio per stuzzicare la curiosita’ e il palato.

Pork Pear & Ginger
Filetto di maialino locale cotto in olio EVO siciliano per 8 ore, servito con salsa di pere, pepe di jamaica e zenzero fresco. Cialde di pane di Tumminia fritte.

Unconventional Cheesburgher
Flan di ragusano che si finge pane, una fetta di mela verde che si finge formaggio, spinaci freschi che si atteggiano ad insalata e guanciale di suino nero dei Nebrodi per dare un tono…

di Silvia Lunardo

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website