|  |  | 

In primo Piano itinerari enogastronomici

Garda Doc: raggiunte le 11 milioni di bottiglie

Stampa Articolo
Con il 2018, la Doc Garda ha messo sul mercato la prima vendemmia dopo il grande salto di qualità della denominazione: crescita da record con +57% di bottiglie, di cui 800 mila della nuova tipologia Spumante “Garda Doc”

11 milioni di bottiglie per il Consorzio Vini Garda DOC. Sono questi i numeri di un 2018 che ha visto immettere sul mercato la prima vendemmia 2017 dopo la grande strutturazione della denominazione. 800 mila, in particolare, appartengono alla nuova tipologia Spumante Garda Doc, la scommessa del Consorzio che lo ha scelto come icona della denominazione.

Da gennaio 2018, la crescita totale è stata del 57%. Con più di 8 milioni di bottiglie (81% del totale) immesse sul mercato nei primi nove mesi dell’anno in corso, le 4 tipologie più vendute sono Garda Doc Garganega; Garda Doc Chardonnay; Garda Doc Pinot Grigio; Garda Doc Bianco Frizzante.

Obiettivo del Consorzio, entro il prossimo triennio, diventa quello di raggiungere le 20 milioni di bottiglie prodotte, numero che coincide con le presenze turistiche che si contano sul territorio gardesano nella medesima finestra temporale.

“La crescita registrata nel 2018 – commenta Carlo Alberto Panont, Direttore del Consorzio – ci gratifica innanzitutto per la scelta strategica fatta dai produttori qualche anno addietro. La DOC Garda è stata riconosciuta nel 1996, ma è solo con la vendemmia 2017 che è iniziato il nuovo progetto di produzione e di brand. Siamo partiti dalla tradizione e l’abbiamo tradotta in un linguaggio nuovo e facile. Ecco quindi lo spumante come tipologia centrale della denominazione che va a riunire le bottiglie che erano già spumantizzate in zona sotto vario nome. Obiettivo importante diventa anche quello di affermarci nei mercati esteri, in particolare in Germania, Inghilterra e Russia, senza dimenticare ovviamente la nostra Italia, dove i numeri appaiono in costante crescita”.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Il Natale abita in Alto Adige

    Il Natale abita in Alto Adige

    Tornano i Mercatini Originali Alto Adige/Südtirol, l’evento che accende la festa più magica dell’anno. Bolzano, Merano, Bressanone, Vipiteno e Brunico: ecco le cinque città dove è possibile immergersi nella tipica atmosfera natalizia dell’Alto Adige L’Avvento

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website