|  |  |  |  | 

Campania Cibo News FOOD In primo Piano

Enrica Grassi, la nuova food blogger partenopea

Stampa Articolo

Mi chiamo Enrica di nome e Grassi di cognome, pura casualità o predestinata dalla nascita?
Non conosco ancora la risposta, ma certo è che il mio sogno nel cassetto è sempre stato quello di aprire un ristorante così da poter mangiare tutto ciò che volevo e quando volevo!
A dieci anni lo sognavo già con le pareti bianche e rosa, le cameriere in pattini a rotelle vestite con gonnelline e top in perfetto stile californiano. Oggi forse lo immagino in modo diverso, ma il pallino ce l’ho ancora in testa!
Sin da quando ero piccola, alle montagne russe e alle ruote panoramiche, ho sempre preferito lo zucchero filato e le graffes, così come al cinema: poco importava il film in programmazione, io non vedevo l’ora che arrivasse il fine primo tempo per fiondarmi su popcorn e l’immancabile hot dog!
Adoro mangiare (se non si fosse intuito) assaggiare, testare nuove ricette, scoprire cucine internazionali, nutrirmi in modo sano, ma anche (e soprattutto) tuffarmi in oceani di panna, cioccolato, parmigiane, pizze fritte, lasagne e chi più ne ha più ne metta!
Vivo a Milano, ma sono una napoletana doc, l’amore per il cibo e per le cose buone mi è stato trasmesso in famiglia. Nonostante sia sempre vissuta in città, ho avuto la fortuna di stare a contatto con animali e orti, sono cresciuta con gli insegnamenti di chi nella vita professionale ha fatto tanta strada senza mai dimenticare le cose vere, sane e semplici della vita.
Ho tentato di rendere la mia grande passione per la forchetta una vera e propria professione e dopo un master in food & wine management, ho iniziato a vivere diverse esperienze in ristoranti e aziende di settore accrescendo la mia conoscenza e mettendo me stessa alla prova ricoprendo tanti ruoli.
Da poco ho deciso di aprire un blog per condividere con tutti l’amore per il food, il cibo sano e quello “peccaminoso” vera causa dei chili di troppo ma che, se ben dosato, ci appaga e rende indubbiamente felici!
Il nome che ho scelto è GRASSINFORMA, c’è dentro tutto: il mio cognome in primis, la voglia di mangiare cose buone, restare in forma e soprattutto dare informazioni sulle esperienze culinarie che vivo tutti i giorni!


Racconto di me e del mio rapporto con il cibo, giro il mondo (per quanto mi sarà possibile) e assaggio tutto ciò che incrocia i miei occhi e la mia bocca.
 Suggerisco luoghi, ristoranti, taverne, street food, gelaterie, pasticcerie, nuovi format, posti originali e da non perdere. 
Il mio obiettivo è informare promuovendo cibo sano senza mai tralasciare il piacere che solo il pacchero al ragù della domenica a pranzo può regalare.
Insomma, un incubatore di informazioni, cibo e ricette arricchito da una rubrica nuova a cui tengo molto: “Food Heroes”!
Si tratta di una sezione che racconta di chi ha speso la propria esistenza in questo meraviglioso mondo. Donne e uomini diventati celebri, ma anche chi non ha raggiunto la fama però, ugualmente, porta avanti con grinta, magari da generazioni, un piccolo angolo di gustose creazioni culinarie dando lustro e prestigio al cibo e all’Italia intera.
Ho avuto già il piacere di intervistare l’icona della pizza Gino Sorbillo che, partito da Napoli, sta conquistando tutto il mondo e Marco Infante che, insieme al fratello Fabio e al papà patrizio, porta avanti con i brand Leopoldo e Casa Infante una tradizione che dura da più di settanta anni.
Vorrei chiudere citando nonna Assunta e nonna Loletta, le mie vere mentori!
Ho dedicato loro la sezione “Ricette”, un luogo virtuale in cui pubblico piccoli segreti per realizzare piatti napoletani (ma non solo) che provo a cucinare personalmente!
Mi lancerò anche in qualche proposta culinaria nuova e fantasiosa che prende spunto dalle loro creazioni sperando che, da lassù, possano perdonare i disastri che certamente combinerò!
Per evitare pasticci irrimediabili, mi faccio affiancare da mia mamma e mia zia Titta, le vere cuoche di famiglia e custodi delle ricette originali tramandate in tanti anni. A loro va il mio più grande ringraziamento, a mio padre certamente, a chi crede in me, nel mio progetto e a tutti coloro a cui basta un semplice spaghetto al pomodorino fresco per sorridere.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website