|  | 

Cibo News

Da 1 a 10 quanto vale l’Italia del turismo?

Stampa Articolo
Un bell’8 di media, con punte dell’8,3 per quanto riguarda la qualità dell’enogastronomia, dell’8,2 per la pulizia degli alloggi e la cortesia delle persone e con un 8 e mezzo pieno assegnato alle località in riva ai laghi.

È questo il voto all’offerta turistica italiana di quanti hanno effettuato vacanze nel Belpaese lo scorso anno secondo l’Osservatorio nazionale del turismo di Unioncamere-Isnart.

Anche se quest’anno, stando almeno a un recentissimo sondaggio, la crisi tratterrà tra le mura domestiche il 14% degli italiani, o farà scegliere a più di un quarto di quel 47% di nostri connazionali che, invece, in vacanza ci andrà sicuramente, di abbreviarne la durata.

Gli operatori corrono ai ripari agendo su tre fronti: le politiche di princing, con un perdurare dell’abbassamento del costo dei pernottamenti negli hotel a 3, 4 e 5 stelle di un ulteriore 1%; il ricorso ai circuiti dell’intermediazione, che coinvolge quasi la metà delle strutture ricettive, soprattutto ai grandi portali utilizzati dal 68,8% delle imprese; il web, sul quale ormai sono presenti l’87,5% delle imprese alberghiere ed extralberghiere, che, attraverso questo canale, hanno ricevuto le prenotazioni del 61,9% della clientela nel primo trimestre di quest’anno, in forte aumento rispetto allo stesso periodo del 2011 (36,1%).

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website