|  | 

Prodotti

Cucine apolidi e lo stile del Soave

Stampa Articolo

Il vino e le cucine etniche, il valore dell’autoctono ed i sapori internazionali. Il bianco che va a nozze con i piatti dall’identità condivisa

Il Soave è un vino bianco Doc prodotto nella provincia di Verona, ha un colore delicato, un profumo nitido ed uno sviluppo gustativo rapido ed appagante che non induce ad assuefazione neppure dopo lunghi periodi di consumo.

Il Soave per l’80% viene consumato all’estero. Un trend che testimonia la facile “abbinabilità” di questo bianco con le più differenti cucine del mondo. Equilibrio da un punto di vista organolettico ed un ottimo rapporto tra identità e valore fanno infatti del Soave un vino molto competitivo sul mercato internazionale.

Nello stesso tempo però assistiamo anche in Italia alla presenza sempre più diffusa di ristoranti stranieri e ad una vera e propria contaminazione di sapori e di gusti. Nascono così le “cucine apolidi”, cibi e piatti dall’identità condivisa, di buona qualità e fruibili da New York a Milano, per finire a Tokyo e a Singapore. Si tratta di un patrimonio gastronomico comune, in costante evoluzione, con il quale il Soave ha già iniziato a relazionarsi.

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • MIKS benessere secondo natura

    MIKS benessere secondo natura

    Molino Favero presenta MIKS, la nuova linea di farine native, senza glutine e OGM free, con le quali lo chef Stefano Polato ha ideato delle ricette riportate sul retro delle confezioni. Esse recuperano i sapori

  • Buon compleanno Radicchio Rosso!

    Buon compleanno Radicchio Rosso!

    Il radicchio rosso, anche definito “fiore d’inverno”, compie 20 anni! Era il 1996 quando, primo tra i prodotti ortofrutticoli in Europa, venne riconosciuta l’Indicazione Geografica Protetta. E per festeggiarne l’anniversario lo scorso weekend, da giovedì

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website