|  | 

itinerari enogastronomici

In giro per Colli Piacentini, tutto il gusto della Val Tidone e Luretta

Stampa Articolo
I Colli Piacentini, ed in particolare zone come la Val Tidone e la Val Luretta, non hanno nulla da invidiare ad altri territori italiani più famosi. Panorami fantastici, castelli e chiese, la Strada dei Mulini, il Sentiero del Tidone, la Diga del Molato con il suo Lago di Trebecco: un ricco tesoro geografico e culturale che arriva fino ai piedi dei monti pavesi.

Val Tidone e Val Luretta sono dette “Valli di Bacco”. Come in altre zone emiliane è usuale trovare fabbriche, qui si incontrano dappertutto aziende vitivinicole ed agroalimentari, e vigne a perdita d’occhio: tanto che il biologico, più che una scelta, è una normale condizione del territorio. Qui si fanno i classici vini piacentini, come Gutturnio, Ortrugo, Malvasia, Barbera e Bonarda, ed altri esperimenti più elaborati, frutto di produttori appassionati che puntano alla qualità.

Valli del buon vino ma anche del buon cibo. Partiamo dai primi tipici: pisarèi e fasó (gnocchetti di pane e farina, conditi con sugo di fagioli), tortelli con la coda (ripieni di ricotta ed erbe, modellati a forma di treccia con coda finale, conditi con burro fuso), anvèin (anolini ripieni di stracotto di manzo, serviti in brodo).

Altre specialità locali sono la chisòla (focaccia con i ciccioli), il batarò (pasta di pane con farina di grano e mais, schiacciata e cotta al forno o su pietra), lo stracotto d’asino, la zuppa di ceci.

La zona è rinomata per la triade salame, coppa e pancetta, dall’aroma e dalla consistenza inimitabili. Oltre alla tradizione segnaliamo anche l’innovazione: la Giovanna, una pancetta affumicata e cotta prodotta dal salumificio Capitelli, aromatizzata con erbe e miele. Novità sui generis, visto che recupera un’antico metodo di produzione dei salumi cotti di maiale.

È molto utilizzato anche il cavallo, retaggio dei tanti distaccamenti militari che fornivano animali per il macello di “fine carriera”. Piatto più noto è la pìcula (carne equina tritata, cotta in umido con i peperoni).

Concludiamo con i dolci classici, cioè il buslàn (ciambella), i buslanèin (ciambelline) e la torta friabile di mandorle (sbrisolona).

Dove mangiare

Antica Trattoria del Tempio (Vicobarone, Via Creta, 6 – Tel. 0523 868263).
Ristorante Le Proposte (Corano, frazione di Borgonovo Val Tidone – Tel. 0523 845503).
Se amate le camminate in montagna c’è il bar-ristorante (aperto tutti i giorni, fino all’Epifania) del Giardino Botanico di Pietra Corva, a Romagnese (Pavia).
Ottima cucina e vista sui colli al ristorante Al Contesse. In un vecchio casale ristrutturato in chiave moderna, troverete specialità piacentine e non, e ben tre cantine dedicate ad altrettante valli del territorio.

Dove dormire

Podere Casale: azienda vitivinicola con agriturismo a Vicobarone (frazione di Ziano Piacentino). Il paese è raggiungibile da Milano in circa un’ora d’auto. Sono disponibili appartamenti, camere, sala meeting e piscina. E naturalmente si possono degustare ed acquistare gli ottimi vini locali di produzione propria.

Dove comprare

SalumeriaMacelleria Da Nicoletta (Vicobarone, Piazza San Rocco 1 – Tel. 349 282 5268): negozio di alimentari “come una volta”, con prodotti tipici anche di produzione propria.
Salumi Grossetti (Strà di Nibbiano – Tel. 0523.998856): dal 1875 produzione artigianale con vendita al pubblico.
Luretta: azienda vitivinicola posta in un antico castello, probabilmente la migliore del territorio, vincitrice di numerosi premi. Professionalità, passione, ed altissima qualità in tutte le fasce di prezzo. Segni particolari: i fantasiosi nomi dei vini.

Ulteriori info si possono trovare sul sito dell’ufficio del turismo.

di Gianluca Vecchi

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website