|  | 

Cibo News

Consumi alimentari in calo

Stampa Articolo
Il comparto agroalimentare rischia di essere travolto dalla recessione: -1,7% il calo di produzione nel 2011, secondo i dati diffusi da Federalimentare. E il 2012 si prospetta un anno ancora più difficile.

A creare timore è in particolar modo la food tax: tassa al vaglio del Ministero della Salute per combattere il fenomeno dell’obesità.  Il dato su base Istat incorpora quantità e prezzi: in presenza di un’inflazione stimata per i prodotti alimentari del 2,4%, ciò si traduce in un calo in quantità di oltre 2 punti percentuali.

Si tratta di una preoccupante conferma del trend declinante dei consumi alimentari innestatosi nel 2008 che sottolinea la diminuita capacità di acquisto degli italiani.    Particolarmente negativo, inoltre, il dato di dicembre: il calo dei consumi del -1,0% rispetto a novembre e del -1,7% rispetto al dicembre 2010 consegna al 2012 una velocità di uscita che lascia presagire un anno altrettanto negativo.

“Questi dati – dichiara il Presidente di Federalimentare, Filippo Ferrua – rendono ancora più assurdi i previsti aumenti dell’Iva da ottobre ed il solo parlare di una food tax: tutti provvedimenti che si tradurrebbero in ulteriori penalizzazioni dei consumi. Serve maggiore prudenza nel toccare l’alimentare: si tratta del cuore dei consumi, specialmente per i redditi medio bassi per i quali l’incidenza della spesa alimentare è assai maggiore rispetto alla media del paese”.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website