|  |  | 

In primo Piano Ristoranti

Ciacco a Marsala, dove la putia è gourmet

Stampa Articolo

Riparte la piccola bottega del gusto con tutta l’energia di un nuovo menù. Una ricerca fresca e deliziosa, frutto dell’amore per il vino Marsala

Un inno alla sicilianità, un’ode al territorio che, come nessun altro in Italia, ha fatto della vite l’elemento attorno a cui tessere la propria rete sociale. Ciacco Putia Gourmet, a Marsala, è tutto questo e molto altro. Merito di Francesco Alagna e di sua moglie Anna Ruini, marsalese lui e toscana lei, due mondi uniti dal piccolo artigianato gourmet, quella sapienza gastronomica antica che, oggi più che mai, eleva il Made in Italy italiano a eccellenza mondiale.

Uno spazio unico consacrato al gusto. Una putia (bottega, in siciliano) con cucina, salumeria e vineria. Un locale raccolto e accogliente, situato nel salotto di Marsala, la splendida Piazza Purgatorio che sembra uscire direttamente dalle fantasie di un sogno barocco. Da Ciacco, la cucina siciliana classica, quella ‘della nonna’, viene sapientemente rivisitata in versione gourmet nel pieno rispetto della naturalezza delle materie prime, scelte seguendo i principi della stagionalità.

Il posto d’onore, lo occupa certamente il vino, cuore delle produzioni marsalesi. Un’attenta selezione di etichette siciliane e del resto d’Italia, tra le quali spiccano proprio i vini Marsala, ai quali Francesco e Anna hanno dichiarano tutto il loro amore con oltre 30 etichette di produttori diversi.

“Mi sono divertito – racconta Francesco – ogni qualvolta cucinavo un piatto, ad accompagnarlo ad un cin di Marsala, osando e provando alla ricerca dell’abbinamento perfetto”. Una sfida tra calici e fornelli, paziente e appassionata, grazie alla quale è stato messo a punto un nuovo menu interamente dedicato ai vini Marsala e che domani, 1 Marzo, verrà finalmente rivelato al pubblico.

Carciofo affucato e Vecchio Samperi; Burratina con alici di Sciacca e Vergine Soleras; Falsomagro con qualeddro saltato e Marsala Superiore Secco Riserva 10 anni: incontri di sapori che sorprenderanno gli avventori, rivelando la profonda natura di un vino con una tradizione plurisecolare e la cui dolcezza, per troppo tempo, è stata fraintesa, considerandola adatta solo alle pietanze dolci. Ecco quindi che “l’invenzione” di Francesco e Anna esplode con straordinaria freschezza, riservando tutta la propria energia tra i visitatori e gli abitanti della splendida cittadina siciliana.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Pescara, città di mare e di terra

    Pescara, città di mare e di terra

    Pescara è una piccola città abruzzese, che si trova sul mare. Una realtà molto tranquilla, rispetto ai miei standard. Durante l’estate è una città piuttosto viva, in quanto la sua economia è basata principalmente sul

  • AL VIA I LAVORI PER “BASILICATA OPENSPACE”

    AL VIA I LAVORI PER “BASILICATA OPENSPACE”

    Il 10 ottobre sono iniziati ufficialmente i lavori per la realizzazione di “Basilicata OpenSpace” lo spazio multifunzionale progettato da APT Basilicata da allestire al piano terra del Palazzo dell’Annunziata, a Matera, precisamente in Piazza Vittorio

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website