|  |  | 

EVENTI In primo Piano

“Chianti a tavola”: 100 ristoranti testimonial del Gallo Nero

Stampa Articolo

Per celebrare i 90 anni del Consorzio, sulle tavole di tanti locali di tutta la regione ci sarà una bottiglia di vino Chianti docg da abbinare ai piatti tipici

I ristoratori della regione diventano il primo veicolo di promozione del vino toscano  per valorizzare il legame tra tradizione e territorio Un connubio felice, vino e cucina, reso possibile dalla collaborazione del Consorzio Vino Chianti con Confesercenti Toscana-Cat e Mèntore-Confcommercio Toscana all’interno del programma di Vetrina Toscana, il progetto di Regione e Unioncamere Toscana che promuove ristoranti e botteghe che utilizzano prodotti tipici del territorio. Dal 10 al 17 dicembre con l’iniziativa “Chianti a tavola”, sulle tavole di tanti locali di tutta la regione ci sarà una bottiglia di vino Chianti docg: un suggerimento per accompagnare una cena con i piatti tipici.

I ristoratori – la lista è consultabile sul sito www.chiantiatavola.it diventano così i primi  testimonial del vino Chianti, ma a metterci la faccia non saranno soltanto loro. Tutti i clienti saranno invitati a farsi un selfie a tavola seguendo le istruzioni che trovano su un pendaglio attaccato alla bottiglia e condividendo gli scatti su Facebook o Instagram con l’hashtag #chiantiatavola. Le foto  più belle saranno utilizzate per la mostra “A tavola con Chianti 2018”. I ristoranti aderenti saranno riconoscibili da una vetrofania all’ingresso e dai gadget distribuiti dal Consorzio: grembiuli, cavatappi e termometri per la temperatura del vino.

“Vino vuol dire convivialità, ma anche cultura e salute. Sono 90 anni – spiega il presidente del Consorzio, Giovanni Busi – che i vini del Consorzio sono sulle tavole di tutto il mondo  In ogni bottiglia ci sono materie prime di qualità, ma anche la cura e la passione di tanti imprenditori e lavoratori toscani. I 90 anni sono una tappa importante del nostro percorso, che vogliamo celebrare coinvolgendo gli imprenditori locali e le istituzioni per rimarcare il legame con il territorio, che è il nostro valore aggiunto sui mercato internazionali. L’obiettivo di queste iniziative è coinvolgere nell’attività di promozione tutta la filiera produttiva, fino al ristoratore che diventa così primo testimonial della qualità toscana a tavola”.

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • E il  Catarratto divenne “Lucido”

    E il Catarratto divenne “Lucido”

    Dopo due anni di trattative, via libera dal Ministero delle Politiche Agricole alle cantine siciliane per l’utilizzo del sinonimo “Lucido” per le due varietà di Catarratto Grande novità in casa Doc Sicilia. I produttori dell’isola,

  • AICIG

    AICIG

    L’Assemblea Straordinaria dei Soci AICIG si è tenuta il 30 novembre 2018 presso la sala Cavour del MiPAAFT per testimoniare “una svolta storica”, come ha definito Nicola Cesare Baldraghi, presidente AIGIC: coinvolgere non più le

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website