|  |  | 

Cibo News In primo Piano

Canelli: ricco weekend all’insegna del tartufo

Stampa Articolo

Tornano nello splendido borgo astigiano due storici appuntamentienogastronomici: la Fiera di San Martin e la Fiera Regionale del Tartufo

Piccola gemma d’Italia dalla bellezza indiscussa: è questo il giudizio su Canelli espresso da Skyscanner, famoso motore di ricerca internazionale di voli che inserisce il borgo astigiano, incastonato fra le colline Patrimonio Unesco del Monferrato, fra i 20 paesi più suggestivi d’Italia.

L’occasione per scoprirlo sarà domenica 11 novembre, giornata in cui andranno in scena l’annuale “Fiera di San Martin” e la “Fiera Regionale del Tartufo”, tra le più antiche manifestazioni di questo ricchissimo territorio. Non solo città dello spumante, quindi: Canelli è stato ed è ancora crocevia economico dei principali prodotti tipici locali, come il pregiato tartufo bianco che proprio le storiche cantine canellesi, per prime, spedirono oltre oceano.

Per rievocare la tradizione, domenica 11 novembre il centro storico sarà animato da un grande mercato con più di 150 produttori ed espositori, con numerose tipologie di eccellenze enogastronomiche. Il tartufo sarà presente in diverse proposte, dalla vendita alla degustazione abbinata ai vini locali, anche all’interno dell’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana, che ospiterà la premiazione della Mostra Concorso dedicata agli esemplari più belli di Tuber magnatum Pico.

Durante il weekend sarà anche possibile visitare anche le quattro storiche case spumantiere Bosca, Contratto, Coppo e Gancia, custodi delle Cattedrali Sotterranee – anch’esse Patrimonio Unesco dal 2014 – gallerie nate per la conservazione dello spumante metodo classico che, sviluppandosi come una rete sotto l’intera città, sono considerate capolavori d’ingegneria e di architettura enologica. Proprio qui, nel 1865, venne prodotto il primo spumante italiano.

Per l’occasione, nella giornata di domenica sarà possibile raggiungere Canelli anche a bordo del Treno Storico a Vapore messo a disposizione dalla Fondazione Ferrovie dello Stato: da Torino, si viaggerà così verso l’antico borgo attraversando Asti, Castagnole delle Lanze e Nizza Monferrato.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website