|  |  | 

In primo Piano Ristoranti

Buon compleanno FabFud!

Stampa Articolo

Dopo un anno di attività, il locale di Pozzuoli fa festa con un contest fotografico a tema pizza, con tre diverse versioni ideate appositamente da Carmine Tiano

È già passato un anno. FabFud, già punto di riferimento a Pozzuoli per la gastronomia flegrea, ha appena tagliato il traguardo dei primi dodici mesi di attività, e lo sta festeggiando nel migliore dei modi. Come? Ma celebrando la pizza, è ovvio, la cui arte tradizionale è stata di recente riconosciuta anche dall’Unesco che l’ha proclamata Patrimonio dell’Umanità. Cuore dell’iniziativa è il concorso fotografico che si sta svolgendo in questi giorni su Instagram, e che si concluderà il prossimo 18 febbraio.

Partecipare è facilissimo: basta munirsi di smartphone e ordinare una delle tre pizze create proprio per l’occasione dal pizzaiolo flegreo Carmine Tiano. Poi va scattata una foto da postare su Instagram coi seguenti hashtag: #BuonCompleannoFabFud #Pozzuoli e #pizza.  Inoltre, è necessario aggiungere una breve descrizione della pizza scelta, senza dimenticare di taggare e inserire @FabFud.  A chiusura del contest, si potrà continuare a votare fino al 25 febbraio.

Le tre pizze si ispirano all’inverno e al territorio di Pozzuoli: Delizia al limone, per esempio, con crema di noci, fior di latte di Agerola e Grana Padano Dop, una  volta uscita dal forno uscita dal forno è completata con rucola, bresaola selezione Rigamonti, scorza di limone flegero e olio extravergine di oliva. Poi c’è la Stracciata, farcita con fior di latte di Agerola, Grana Padano Dop e pomodorini gialli del piennolo del Vesuvio della Masseria dello Sbirro. All’uscita, rucola, stracciata di bufala del caseificio Bufalè, pomodori secchi siciliani e olio extravergine di oliva. Infine, abbiamo la tonda, che ben rappresenta la Campania e che, per questa ragione, ne porta il nome. Gli ingredienti, anche in questo caso, sono una garanzia: papacelle presidio Slow Food, provola di Agerola, Grana Padano Dop, Pomodoro del Piennolo del Vesuvio Masseria dello Sbirro e, uscita dal forno, filetto di tonno Delfino di Cetara.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website