|  | 

In primo Piano

Bollicine: oltre 68 mln i tappi in volo per le feste

Stampa Articolo

Il Prosecco si conferma re del mercato. Exploit significativi per Trento Doc e Franciacorta, soprattutto millesimati pas dosè e biologici

Saranno ancora una volta gli spumanti, con il prosecco in testa, i veri protagonisti delle Festività ormai alle porte. Le previsioni parlano di oltre 68 milioni di bottiglie che verranno stappate globalmente in Italia dal 7 dicembre al 7 gennaio. In pratica più di 2 milioni di bottiglie al giorno, per una crescita del 4% rispetto al 2016. Se in occasione del Santo Natale saranno ben 11 milioni i tappi in volo, per salutare il nuovo anno se ne prevedono addirittura 38 milioni. A rivelarlo le stime dell’Osservatorio statistico economico Ovse su mercati e consumi vini spumanti e del Ceves, centro studi ricerca vite-vini alla Cattolica di Piacenza. Per quanto riguarda il volume d’affari in questi 30 giorni di festa, il consumo delle bollicine (italiane e straniere) genera circa 750 milioni di euro, facendo segnare una crescita del 10% rispetto al 2016. E per quanto riguarda le tendenze di gusto?  Preferiti gli aromatici secchi, rispetto ai tradizionali dolci.

“I consumi fuori casa – spiega Giampietro Comolli, capo dell’Osservatorio statistico economico Ovse – sono in crescita del 9% rispetto al 2016, con prezzi al consumo più contenuti. Stazionarie le bollicine importate: voleranno poco più di 3,1 mio di tappi, di cui il 60% regalate”. Exploit significativi per Trento Doc e Franciacorta, soprattutto millesimati pas dosè e biologici, i più inseriti fra i regali. Bene le bollicine metodo tradizionale regionali come Alta Langa, Alto Adige, benissimo i millesimati e bolle di vitigni locali, compreso il Lambrusco, e quelli del sud Italia. Leader del mercato di fine anno resta il Prosecco, 3 ogni 5 bottiglie. Infine una curiosità: a comperare più bollicine in questo fine anno ritornano gli old-age o oldery, ovvero i consumatori al di sopra dei 60 anni, dopo una prolungata leadership dei millennials e middle.

 

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • E il  Catarratto divenne “Lucido”

    E il Catarratto divenne “Lucido”

    Dopo due anni di trattative, via libera dal Ministero delle Politiche Agricole alle cantine siciliane per l’utilizzo del sinonimo “Lucido” per le due varietà di Catarratto Grande novità in casa Doc Sicilia. I produttori dell’isola,

  • AICIG

    AICIG

    L’Assemblea Straordinaria dei Soci AICIG si è tenuta il 30 novembre 2018 presso la sala Cavour del MiPAAFT per testimoniare “una svolta storica”, come ha definito Nicola Cesare Baldraghi, presidente AIGIC: coinvolgere non più le

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website