|  | 

Prodotti

La lavorazione del Bitto storico

Stampa Articolo
Il Bitto è, senza dubbio, uno dei simboli della produzione casearia lombarda: formaggio di grande tradizione e straordinaria attitudine all’invecchiamento, è legato in maniera profonda alle montagne da cui prende origine. Il nucleo storico della sua produzione si trova nelle valli formate dal torrente da cui prende il nome: Gerola e Albaredo, in provincia di Sondrio.

Grazie alla produzione negli alpeggi di queste valli, a un’altitudine che va dai 1400 ai 2000 metri, il Bitto conserva conserva caratteristiche speciali. I caricatori, infatti, sono impegnati nel mantenimento di tutta una serie di pratiche tradizionali che esaltano la qualità del formaggio, oltre a svolgere un ruolo basilare nella conservazione dell’ambiente e della biodiversità alpina.

Innanzitutto, si pratica il pascolo turnato: nei tre mesi di alpeggio, la mandria è condotta attraverso un percorso a tappe, che va dalla stazione più bassa a quella più alta. Lungo la via, i tradizionali calècc (millenarie costruzioni in pietra che proteggono la zona di caseificazione) fungono da baita di lavorazione itinerante, sempre a portata di mano, in modo che il latte non debba viaggiare, se non per pochi metri, e possa essere lavorato prima che il suo calore naturale si disperda.

Un’altra pratica, promossa dai produttori storici, è la monticazione, insieme alla mandria bovina, delle capre Orobiche. Il latte di questi animali entra per un 10, 20% nella produzione del Bitto e gli conferisce una speciale aromaticità e persistenza. Per assicurare il massimo controllo delle condizioni sanitarie del bestiame, i monticatori mungono solo a mano. La salatura del formaggio avviene preferibilmente a secco; in questo modo si forma una crosta più delicata, garanzia di una migliore maturazione. È inoltre espressamente vietato l’uso di integratori nell’alimentazione dei bovini e l’uso di additivi, conservanti o fermenti selezionati nella produzione del formaggio.

Il Bitto entra come ingrediente fondamentale, assieme al burro, al grano saraceno e alle verze nella composizione del piatto simbolo della Valtellina, i pizzoccheri. Un trionfo dei sapori della montagna, una bomba calorica che si può metabolizzare soltanto se la ricetta fa parte del DNA personale o se si scalano quelle stesse montagne da cui ha origine.

Ma sarebbe ingiusto relegare uno dei più nobili formaggi italiani al rango di condimento: il Bitto giustamente stagionato è straordinario da tavola, e quando poi si prolunga l’affinamento per 6, 7 anni o più, diventa uno dei rarissimi formaggi da meditazione del mondo.

Tags

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Asiago, il Consorzio in campo per beneficienza

    Asiago, il Consorzio in campo per beneficienza

    La denominazione d’origine protetta sostiene con una donazione l’impegno per preservare il futuro delle millenarie tradizioni casearie Contribuire a salvaguardare il futuro delle malghe e dei pascoli dell’Altopiano di Asiago duramente colpiti dalla tempesta che,

  • Tartufesta, il festival dedicato al tartufo!

    Tartufesta, il festival dedicato al tartufo!

    Non sfoggiano l’allure della costa e l’eleganza composita delle importanti città d’arte dell’Emilia Romagna. E neppure si respira l’atmosfera country-chic, un po’ campagna un po’ centro benessere, che aleggia sulle non distanti mete termali del

  • Il dolce Natale di Distillerie Berta

    Il dolce Natale di Distillerie Berta

    Pregiati liquori dagli aromi seducenti e un soffice panettone dal cuore morbidissimo: tutte le idee regalo della storia distilleria piemontese Arriva il Natale, tempo di regali, sopratutto per gli appassionati gourmet. Distillerie Berta, storica azienda

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website