|  |  | 

Hospitality In primo Piano

Asmundo di Gisira, l’hospitality diventa arte

Stampa Articolo

Il palazzo seicentesco di Catania rivive per regalare ai viaggiatori un’esperienza di soggiorno unica tra arte contemporanea, miti e leggende di Sicilia

Asmundo di Gisira è un luxury b&b inaugurato un anno fa all’interno dell’omonimo palazzo seicentesco nel cuore della Pescheria, il famoso mercato del pesce di Catania a pochi passi dal Duomo.  Il recupero del palazzo, iniziato nel 2004 con l’acquisto di una parte della nobile dimora, è merito dell’imprenditore Umberto Gulisano, che ha realizzato il luxury b&b con 11 camere grazie al progetto dello studio di architettura Gum.

Al piano nobile, dove è ubicata anche la reception, si trovano le 6 art rooms, ognuna dedicata a personaggi mitologici della tradizione catanese: Proserpina, la bellissima figlia di Demetra rapita da Ade e condotta negli Inferi; Sant’Agata, protettrice della città; Uzeta, il giovane paladino ma di umili origini che si invaghì perdutamente della figlia di Federico II; Colapesce, il pescatore che con le sue spalle sostiene una delle colonne dell’amata Trinacria; Aci e Galatea, dedicata alla storia del pastorello Aci e al suo amore per la ninfa Galatea; infine Eliodoro, il mago entrato a Catania a dorso del suo elefante “u liotru”, oggi simbolo della città: miti e leggende rivisitati dallo stesso Umberto Gulisano in chiave pop contemporanea.

Ma il luxury B&B Asmundo di Gisira è capace di tanto altro, raccogliendo insieme opere d’arte e oggetti di design che offrono agli ospiti un’esperienza di viaggio unica nel panorama siciliano: il fenicottero rosa, realizzato da Domenico Pellegrino, che accoglie gli ospiti una volta varcata la porta d’ingresso; i quadri e i vasi di Sergio Fiorentino; il laghetto di Villa Bellini, con la luna che si specchia nell’acqua di Michael Anastassiades; un quadro di Rossana Taormina che si espande tridimensionalmente nella stanza della colazione; gli splendidi disegni pop di Daniel Eugenus in sala da pranzo, le ceramiche di Alessandro Iudici e i quadri di Walton Ford.

Al primo piano, le altre 5 camere, due livelli separati da pochi scalini impreziositi dal fascino senza tempo del Grand Tour settecentesco celebrato da Goethe. Il piano e le sue camere, infatti, sono arredate secondo uno stile che mischia con estremo gusto e raffinatezza elementi della siciliana gattopardiana con influenze mitteleuropee. Tessuti pregiati, colori caldi e accoglienti, mobili in legno pregiato e oggetti preziosi che rimandano ai fasti dell’aristocrazia siciliana. Infine, all’ultimo piano, anche una terrazza panoramica da dove poter ammirare i tetti del centro storico, la riviera dei Ciclopi e il maestoso profilo dell’Etna.

Salvatore Spatafora

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • FORMAGGIO STELVIO DOP

    FORMAGGIO STELVIO DOP

    Lo Stelvio è l’unico formaggio dell’Alto Adige che può vantare dal 2007 l’ambita Dop che certifica la qualità e l’autenticità del prodotto. Lo Stelvio DOP è un pregiato formaggio vaccino di montagna, ispirato alla migliore

  • SPECK ALTO ADIGE IGP

    SPECK ALTO ADIGE IGP

    Lo speck appartiene all’Alto Adige esattamente come le montagne, le mele e il vino. Unico nella produzione e nel gusto, con la sua affumicatura leggera e la sua stagionatura all’aria fresca è conosciuto dai buongustai

  • MELA ALTO ADIGE IGP

    MELA ALTO ADIGE IGP

    Le mele dell’Alto Adige maturano in condizioni ottimali: aria fresca e pulita, terreni fertili, clima ideale e sistemi di coltivazione in armonia con l’ambiente. Con i suoi 18.400 ettari l’Alto l’Alto Adige rappresenta la più

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website