|  |  | 

Degustazioni In primo Piano

Archivio storico: la nuova drink list, dedicata alla tradizione partenopea

Stampa Articolo
Venerdì 5 ottobre l’Archivio Storico, il famoso locale del Vomero, ha aperto le porte a giornalisti e food blogger per presentare i nuovi cocktail invernali di Salvatore D’Anna. I cocktail sono pensati ed ispirati ai sapori e alle tradizioni di Napoli.

L’Archivio Storico è un locale elegante, dall’atmosfera calda, che rassicura i clienti sulla qualità dei prodotti impiegati non solo in cucina, ma anche al premium bar. Tutti gli ingredienti sono a km 0 e Salvatore D’Anna, bar manager della struttura con la sua bravura e fantasia è pronto a riscaldare tutti i palati della città. La nuova drink list è in parte diversa dalle precedenti, il filo conduttore è l’energia dei sapori della tradizione, in quanto ogni drink è pensato per raccontare la storia e la cultura sia della Napoli Borbonica, che di quella moderna.

Durante la serata abbiamo avuto il piacere di assaggiare alcuni cocktail, tra cui il “Babà Punch”, preparato con Rum Jamaicano, Rum Speziato, Oleo Saccarhum, Pisto mix, succo di limone, the, cannella, arancia. Il profumo di questo cocktail ricorda tantissimo il babà ed anche il sapore lo centra appieno. Il “Crisommola Negroni” con Jin  Aperol, Vermouth dry, liquore all’albicocca, Orange bitters è quello che mi è piaciuto maggiormente, insieme allo “Smoked Mango Margarita”, con tequila, liquore d’arancia, sciroppo al mango, succo di lime e spezie. Due drink dolci, adatti ai palati un po’ più soft. Il “Piennolo” è invece la rivisitazione del Bloody Mary con Vodka e Bloody Mary mix mediterraneo, preparato con i pomodorini del Piennolo. Un drink molto particolare, dal sapore intenso e aromatizzato. Durante la preparazione dei cocktail Salvatore D’Anna ha risposto alle nostre curiosità, principalmente relative alla storia dei vari distillati, legati alla tradizione e alla storia dei Borbone.

Cinque sono le sezioni del nuovo menu: la “classica” contente i cocktail più apprezzati negli scorsi anni (come il “Clover club” ottenuto con Gin, Vermouth dry, succo di limone, sciroppo di lampone e albume); la sezione “Le bar tour” formata da cocktail le cui ricette sono state ideate da bartender di diverse nazionalità ed ovviamente adattate al concept dell’Archivio Storico che prevede l’utilizzo di prodotti “home made”; la sezione dedicata alle “degustazioni verticali” ove sono proposti assaggi in sequenza di diverse etichette di rum e whisky; la sezione “Por les bons vivants” dedicata ai cocktail Martini; ed, infine, la sezione denominata “Le ricette dell’Archivio”, contente i drink “new entry”, un omaggio alla napoletanità, ai sapori della nostra tradizione.

Di Alessia Giannino

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website