|  |  |  | 

Cibo News In primo Piano itinerari enogastronomici

APRE GOOD BLUE

Stampa Articolo
Il nuovo fast food di pesce che ha a cuore l’oceano 

Good for you, good for the ocean

 

Good Blue, il nuovo healthy fast food di pesce nella centralissima Via Volta a Milano.

Good Blue è la nuova location che si propone di offrire un’esperienza gastronomica ‘sostenibile’, nutrendo le persone in modo sano e veloce con un menù composto da piatti di pesce pescato secondo criteri di salvaguardia del mare e delle sue specie, e impegnandosi a nutrire il mare attraverso azioni concrete e misurabili.

Il menù, pensato per un consumo veloce e smart, da fast food, è perfetto per una pausa pranzo o una cena con gli amici, grazie anche alla possibilità di take away o delivery, e include bowls, wraps, tacos, aguachiles e insalate, tutti a base di pesce o in alternativa vegetariana.

Piatti dall’influenza globale nati e creati dopo i viaggi per il mondo dei 6 soci di Good Blue ai quali è stato aggiunto un twist mediterraneo.

Anche il beverage è altamente selezionato in base a una scelta che elimina completamente l’utilizzo della plastica e punta a rimanere in un’ottica salutare:

acque botaniche, birre artigianali, vino biologico e solo per la sera un menu cocktail a basso contenuto calorico.

Good Blue è un locale dall’approccio sostenibile a 360 gradi, la quale filosofia si fonda su 3 principi fondamentali:

1.Pesce sostenibile: Good Blue serve solo pesce pescato secondo criteri di salvaguardia del mare e delle sue specie, evitando sprechi e metodi invasivi.

 

2.Design sostenibile: il packaging e gli interni del ristorante sono totalmente privi di plastica, e gran parte degli arredi è realizzato in materiale plastico riciclato e anche da spugne riciclate.

3.Give Back: Good Blue si impegna a devolvere una percentuale delle entrate del ristorante a un’associazione che si occupa di conservazione dell’ambiente marino, e fondatori e dipendenti si impegnano a devolvere parte del loro tempo a “preservare” l’oceano, attraverso azioni concrete come ad esempio la pulizia delle piagge.

L’intento ultimo dei fondatori del progetto Good Blue è quello di generare un ‘ripple effect’ di business e consumatori più consapevoli, a partire dalle comunità nelle quali andranno ad operare.

Good Blue. Good for you, good for the ocean 

Tags

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website