|  |  |  |  | 

Dove Mangiare FOOD In primo Piano NEWS

168 CHINESE TOWNSHIP: il tempio della ristorazione Fusion a Milano

Stampa Articolo

Per gli amanti dei sapori esotici a Milano in viale Jenner c’è 168 Chinese Township, uno dei ristoranti fusion più grandi d’Italia che offre agli avventori un’esperienza gastronomica nel più puro stile cantonese. In un ambiente raffinato e moderno, che ricorda le grandi metropoli asiatiche, si possono gustare specialità tipiche come i dim sum, gli antipasti freddi, i piatti alla griglia e il classico e conviviale hot pot con oltre trenta salse fatte in casa.
Il forte legame con la tradizione, del resto, è evidente sin dal primo sguardo al ristorante, dalla caratteristica forma di pagoda che, col calar della sera, si illumina creando una suggestiva scenografia che anticipa la capacità del 168 Chinese Township di innovare e stupire.
L’interno del maestoso locale la conferma: il grande salone con la cucina a vista è un patchwork di stili che si rincorrono tra privè con sontuosi tavoli imperiali, riservate nicchie laterali con divani in pelle e raffigurazioni di maschere originali e zone centrali informali e dal sapore più minimal e contemporaneo che ricorda i locali alla moda di Pechino e Shanghai. Ad eventi e cerimonie sono dedicate sale private da 10 fino a 200 persone.
Qui, i tanti volti della Cina si incontrano manifestando una ricchezza e una varietà che ritroviamo anche nel menu: tra le oltre 500 proposte sulla carta, che alternano ricette del sud-est e della regione del Canton con l’influenza della vicina Hong Kong, è impossibile non trovare soddisfazione, anche per i palati più esigenti. Esplorare i sapori della Cina diventa un lungo viaggio che si può condurre in molte tappe, passando dai dim sum di maiale a quelli alla piastra con cipollotto e zenzero; dagli Shao mai di granchio ai calamari croccanti; dal riso saltato con ananas agli arrosti di manzo o maiale, alle zuppe e ai piatti di pesce.
Ma a farla da padrone tra le sontuose mura del 168 Chinese Township sono le specialità degli chef: le puntine di maiale, la zuppa di melone d’inverno, i funghi alla menta, i ricci di mare cotti al vapore e serviti interi, farciti con una cremosa salsa a base di uovo, e molte altre proposte creative da assaporare.
Tra le proposte più richieste panini e ravioli ripieni, gnocchi saltati con frutti di mare e anatra arrosto, accanto a piatti di portata da condividere tra i commensali come le “pentole”, a base per esempio di calamari con salsa piccante oppure interiora di maiale, per una versione piccante e speziata simile alla trippa alla milanese.
Un’intera sala è dedicata al tipico hot-pot o fonduta cinese, con il grande tegame di brodo (classico, piccante, ai funghi o a base di pesce) posto in mezzo al tavolo e riscaldato, nel quale intingere a piacere le pietanze. La scelta spazia fra carni come controfiletto australiano, entranha argentina (diaframma di manzo) e Patanegra, crostacei e pesce, pasta fresca e verdure, con predilezione per prodotti asiatici come radici di loto, coriandolo, pak-choi, zucca bianca, funghi shiitake e funghi shimeji. In abbinamento si può scegliere tra una selezione di oltre trenta salse, molte delle quali fatte in casa, preparate con ingredienti da tutto il mondo e con diverse gradazioni di piccantezza, fino al culmine delle varianti a base di olio e peperoncino fresco macinato.

168 Chinese Township Viale Jenner 29, Milano M3 Maciachini, Autobus 90-91-92)
Tel.02/97381672 Email info@ristorante168.com
Aperto sette giorni su sette a pranzo dalle 12 alle 15 e a cena dalle 18:30 alle 23:30
Il menù al seguente link: https://www.ristorante168.com/menu
Privè e sale riservate, da 10 a 30 persone, disponibili su prenotazione
Prezzo medio 35€ bevande escluse.

 

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website