|  | 

Ristoranti

‘Unico Milano’ lancia il nuovo menu autunnale

Stampa Articolo

Numerose le proposte degustazione messe a punto dallo chef Fabrizio Ferrari, con il prezioso contributo del sous chef Marcello Baratella: dai piatti dedicati al capoluogo meneghino, alla mousse di cioccolato alla mandorla con interno liquido al lampone. Ecco tutte le novità…

Il cambio di stagione porta sempre con se una piccola rivoluzione all’interno di tutti i ristoranti. Per molti, l’introduzione di nuovi piatti all’interno del menu, si traduce in una semplice ristampa della carta; in realtà, dietro a questo passaggio, si cela un lavoro ben più meticoloso da parte dello chef in sinergia con il suo team, impegnati per settimane a sperimentare e testare nuove portate e percorsi degustativi con l’obiettivo di trasmettere rinnovate emozioni al cliente.

Un processo che da poco ha visto come protagonista Unico Milano, il ristorante panoramico collocato al ventesimo piano della WJC Tower in zona Portello. Un nuovo menu, quello introdotto dallo chef Fabrizio Ferrari, decisamente ricco di novità. Si parte con una proposta di degustazione – “Col coeur in man – interamente dedicata alla città di Milano: quattro portate (testina e nerviit in pan triit, risotto alla milanese, manzo alla Stendhal e un dolce “tributo a Milano”) con un prezzo di entrata di 70 euro (vini e bevande escluse). “Il meglio di me”, altro menù degustazione composto da 6 portate, è stato invece portato a 130 euro per renderlo più accessibile, con la possibilità di ‘splittare’ tutte le portate di questa proposta che potranno essere così consumate singolarmente.

Pianariva”, il menù pensato per omaggiare le terre di origine dello chef, cambia invece nome e diventa “Bassa Padana”: si allarga il territorio d’ispirazione, espresso in 5 portate (tegame di lumache e rane con funghi prataioli, risotto riduzione di Bonarda e polvere di porcini secchi, luccio in guazzo e croccante di polenta, maialino al cucchiaio con salsa all’aceto e cipolla di Breme caramellata e, per chiudere, pangialdina, mascarpone e bargnolino). “Brand New”, percorso degustativo che propone i piatti più particolari, presenta infine 4 nuove portate, caratterizzate da preparazioni più sofisticate.

E se volessimo identificare i piatti più “nuovi”? «Bon bon di seppia cruda – ha risposto Ferrari – al kefir lime in tempura al nero e crema di patate al wasabi. Un piatto che ho preferito inserire direttamente nella carta e non in uno dei menù perché sono certo che avrà un grande successo. A questo aggiungerei la Pancetta di vitello alla provenzale che viene cotta per 30 ore e poi rosolata in padella con porcini al naturale (saltati senza aggiunta di sale e pepe) e accompagnata da una crema dolce di sedanorapa a contrastare la sapidità e il grasso della pancetta».

Anche sul fronte dolce non mancano le novità: tra queste merita una menzione speciale il composto di mousse di cioccolato alla mandorla, con interno liquido al lampone e pepe della Foresta Mascareigne, polvere di sedano, polvere di finocchietto e polvere di lampone. «L’obiettivo – ha spiegato il pastry chef Beppe Allegretta – è quello di fare arrivare l’essenzialità del lampone, uno degli ingredienti più usati in pasticceria, portandolo nel cuore del dessert».

Lorenzo Martorana

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Bioesserì protagonista negli USA

    Bioesserì protagonista negli USA

    Il concept restaurant biologico nato a Palermo sarà tra gli spunti più interessanti del prossimo “Identità Chicago”, dove tra pizza e innovazione porterà un soffio di Sicilia In quella che i suoi stessi abitanti definiscono

  • Roma, apre il nuovo Ristorante Cuore e Gusto

    Roma, apre il nuovo Ristorante Cuore e Gusto

    Il nuovo locale propone una cucina semplice, figlia della memoria, ma al tempo stesso elegante, grazie ai tocchi d’inventiva del giovane chef Devis Pinto Piatti della tradizione arricchiti dalla ricerca e da nuove tecniche, tanta

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website