|  | 

Ristoranti

Ristorante In Galera, Bollate

Stampa Articolo
Dopo tre mesi dall’apertura il Ristorante In Galera è un grande successo. A confermarlo è Silvia Polleri, presidente della cooperativa sociale Abc La Sapienza in Tavola, tra le menti di questo bellissimo progetto che ha realizzato all’interno del carcere di Bollate (Mi): una struttura ricettiva dedicata alla buona cucina.

“Prima è arrivata l’impresa di catering, nata nel 2004 per fornire servizi ad aziende pubbliche e private. Poi la scuola, nel 2012, con l’aiuto dell’Istituto Alberghiero Paolo Frisi. Infine, nel 2015, il ristorante”, spiega Silvia Polleri.

Si tratta di tutti progetti che hanno come obiettivo il coinvolgimento dei detenuti con l’acquisizione di una professionalità spendibile, e contemporaneamente l’idea di avvicinare la società civile ad un mondo normalmente conosciuto solo attraverso la cronaca.

“In carcere ci sono persone che fanno ancora parte della società” – continua Silvia – “sembra banale dirlo ma dall’esterno non vengono percepite così. Far entrare quotidianamente persone comuni all’interno del carcere, per un momento di svago, avvicina i detenuti al mondo reale quotidiano e abbatte le barriere del pregiudizio nei loro confronti.”

E così che andare a mangiare In Galera se inizialmente è una scelta dettata dalla curiosità, grazie alla professionalità del team di lavoro (unici non detenuti lo chef Ivan Manzo e il maitre di sala Massimo Sestito) diventa una buona abitudine per un pranzo o una cena di qualità.

Nell’impianto del ristorante c’è uno chef di grande esperienza come Ivan Manzo e il maitre Massimo Sestito dirige tutte le operazioni di sala. In brigata e al servizio ci sono i detenuti.

Ma che si mangia al Ristorante In galera di Bollate? Si rimane solidi sulla tradizione nazionale con una certa propensione alla cucina meneghina. Non manca un’ampia carta dei vini e un servizio impeccabile ad un prezzo più che onesto. Il menu è visionabile sul sito del ristorante.

Prenotazione richiesta al numero 334 3081189
Via Cristina Belgioioso, 120 Milano

a cura di Marianna Mastropietro

 

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website