|  |  | 

CONSIGLIATI DI VIE DEL GUSTO Ristoranti

Quattro Mani, la cucina di casa in uno dei più bei palazzi di Palermo

Stampa Articolo

A Palazzo Sambuca, nel cuore del quartiere Kalsa, è possibile gustare i migliori piatti della tradizione mediterranea

 

Quattro Mani, già nel proprio nome, contiene quell’idea di una cucina familiare, accogliente e ospitale a cui hanno scelto di consacrarsi Alberto Lo Giudice e Chiara Marino, chef e proprietari, marito e moglie. Le quattro mani, appunto. Incastonato in un angolo del barocco Palazzo Sambuca, a due passi da Piazza Magione, cuore del quartiere Kalsa di Palermo, qui è possibile gustare i migliori piatti della tradizione mediterranea preparati con materie prime reperite esclusivamente sul territorio, la cui scelta avviene in base al regime di produzione bio dei fornitori. Una tavola semplice, buona e fresca, senza sovrastrutture e dove l’amore per la natura si respira in ogni piatto, con una carta dei vini appropriata e coerente che va a premiare quelle cantine che raccontano in modo autentico il valore enologico dei vitigni autoctoni di Sicilia.

“Fin dal principio, abbiamo optato per delle materie prime legate sia alla nostra isola che al rispetto dei principi della sostenibilità”, spiega Alberto; scelta, questa, ben evidenziata dalla mappa posta vicino l’ingresso e che riporta l’origine esatta di ognuno dei fornitori. “Scriviamo i nostri menù a matita, così da poterli modificare ogni giorno senza spreco di carta”, dice invece Chiara, che continua: “Persino l’acqua che serviamo ai tavoli, attraverso un dispositivo di affinamento, è autoprodotta”. Un menù che è quindi quotidiano, redatto in base a ciò che ogni notte o mattina terra e mare offrono di più buono, e i cui echi richiamano la cucina di generazioni di mamme, nonne e zie palermitane, i loro cous-cous e i loro brocioloni ripieni, la loro parmigiana di melanzane e i loro ravioli di ricotta; in una parola: la loro bontà. “È un rito che, una volta cominciato, ti lega alla vita e non smette mai”, racconta ancora Chiara: “Ogni giorno, ti ritrovi tra le mani la natura con le sue stagioni, con l’arte dell’uomo di frapporsi tra i suoi frutti e il proprio palato coi mille segreti delle trasformazioni che si nascondono nei coltelli, nel fuoco, nel gelo, in cotture lunghe e in altre brucianti”.

Antonio Forestieri

 

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • ‘Unico Milano’ lancia il nuovo menu autunnale

    ‘Unico Milano’ lancia il nuovo menu autunnale

    Numerose le proposte degustazione messe a punto dallo chef Fabrizio Ferrari, con il prezioso contributo del sous chef Marcello Baratella: dai piatti dedicati al capoluogo meneghino, alla mousse di cioccolato alla mandorla con interno liquido

  • Bioesserì protagonista negli USA

    Bioesserì protagonista negli USA

    Il concept restaurant biologico nato a Palermo sarà tra gli spunti più interessanti del prossimo “Identità Chicago”, dove tra pizza e innovazione porterà un soffio di Sicilia In quella che i suoi stessi abitanti definiscono

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website