|  |  | 

In primo Piano itinerari enogastronomici

Parma, viaggio di gusto premiato dall’Unesco

Stampa Articolo

Dai vini di Monte delle Vigne di Ozzano Taro ai culatelli dell’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense, tour in un emozionante patrimonio tutto italiano

Eletta città creativa della gastronomia UNESCO nel 2015, Parma rappresenta una meta unica, capace di coniugare l’eccezionale patrimonio artistico italiano a una peculiare cultura del cibo e del vino: incredibile, infatti, è il ventaglio delle sfumature dei suoi dei sapori e profumi, incastonati in un territorio ricchissimo.

Un itinerario da estasi papillare è certamente quello che passa tra l’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense e la cantina Monte delle Vigne di Ozzano Taro. Nata dalla passione per la tradizione culinaria del Po dei fratelli Luciano e Massimo Spigaroli, l’Antica Corte Pallavicina è un punto di riferimento internazionale per l’arte dei fornelli, e soprattutto per quel “saper fare” artigianale che ha portato l’antico castello sul Grande Fiume a diventare un luogo di culto per la produzione di salumi come il Culatello. Per visitarlo, è possibile prenotare sia tour e degustazioni nelle famose cantine di stagionatura (le più antiche, risalenti al 1320, hanno ospitato anche i salumi del Principe Carlo d’Inghilterra) che nell’azienda agricola, avendo così occasione di osservare da vicino i maiali di razza “Nera Parmigiana” o le vacche di antiche razze locali, e poi gli animali da cortile, gli orti e la vigna.

Spostandoci verso il Parco Regionale Boschi di Carrega e il Parco Fluviale del Taro,  arriviamo finalmente a Monte delle Vigne. Nota a livello globale per aver rivoluzionato la tradizione del frizzantino, aprendo le porte a un nuovo concetto enologico legato ai vitigni autoctoni esaltati dal terroir e da una grande cura in vigneto, è una cantina diversa da tutte le altre, unica nel suo genere. Dal martedì al sabato, nell’arco di tre turni, le visite e degustazioni guidate permettono di entrare nel mondo di Andrea Ferrari, Paolo Pizzarotti e dei loro vini pluripremiati come il Nabucco”, Callas”, Sogni, Argille, Poem, I Calanchi e I Salici. Assaporare e acquistare simili prodotti nel loro luogo d’origine diventa così un modo per immergersi totalmente in una filosofia fondata su valori come l’autenticità, originalità nell’ambito del vino e del lambrusco, l’eccellenza e la sostenibilità.

Infine, ottima “base” per non perdere neanche un momento di questo viaggio sono gli INC Hotels di Parma, che propongono pernottamento, cena tipica e colazione in strutture come il Best Western Hotel Farnese, l’Hotel San Marco e l’Holiday Inn Express.

Antonio Forestieri

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website