|  | 

FOOD

Nessuna moda passeggera, il Veg conquista il mondo

Stampa Articolo

Da anni ormai si è innescato il cocente dibattito tra vegetariani (o vegani) e non. Visioni ideologiche personalissime che spesso, purtroppo, cadono nella presunzione e in atteggiamenti di intolleranza. Ognuno sarà pur libero di mangiare ciò che vuole e di fare le proprie scelte. Eppure a volte sembra non essere così, da parte di nessuna delle due fazioni: il vegano che giudica chi mangia la carne e l’onnivoro che sbeffeggia la scelta del vegano.
La domanda che ci sarebbe da porsi è “Perché?!”. Come per i matrimoni gay e moltissime altre tematiche di attualità: “Ma a voi… cosa cambia?!”

La scelta del vegetariano non intacca minimamente le scelte degli altri. Così come il contrario. Bisognerebbe semplicemente imparare ad avere maggiore rispetto di punti di vista diversi dal nostro. Cosa che spesso ci risulta davvero difficile.

Tra le critiche più in vista nei confronti del mondo dei vegetariani c’era – e c’è – l’accusa che sia una scelta dettata solo da una moda passeggera, e non davvero una scelta etica o di salute. Beh, dobbiamo informare chi ha formulato questo pensiero che… si sbagliava!

Pare che l’Italia, l’Europa e il mondo intero stiano andando sempre di più in una direzione vegan friendly. Secondo l’Ansa, la capitale globale del Veg è Tel Aviv, dove circa il 5% della popolazione è vegano ed esistono per questo tipo di alimentazione più di 400 ristoranti. Invece, la capitale europea di questo nuovo stile di vita è Lisbona, dove, per una popolazione di circa 550mila abitanti esistono un centinaio di ristoranti e negozi vegan. A Seguire Barcellona, Londra, Varsavia, Berlino, Amsterdam e Parigi.

E in Italia? Beh, il record italiano di città più vegan spetta a Roma e Milano, seguite da Firenze e Torino dove la sindaca Appendino riferisce di voler organizzare la città ad hoc per promuovere uno stile di vita naturale e sostenibile rendendola “la città più veg d’Italia”. Chissà se riuscirà a superare il primato delle capitali del mondo e della moda.

Dunque, carnivori di professione, arrendetevi! Non potete boicottare un fenomeno che prende piede e si rivolge sempre più in una direzione: il futuro.

a cura di Martina Bortolotti

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • Camillo Sorrentino: lo chef della cucina semplice

    Camillo Sorrentino: lo chef della cucina semplice

    Camillo Sorrentino, lo Chef della cucina povera e semplice di Vico Equense ci racconta del suo successo alle Osterie Torre Ferano e di come la tradizione lo abbia spinto verso l’innovazione. 46 anni e un’esperienza ventennale, ha iniziato questo lavoro all’età di 13 anni girando per le cucine della penisola; a 19 anni ha aperto

  • Simone Padoan porta la sua idea di pizza in giro per l’Italia

    Simone Padoan porta la sua idea di pizza in giro per l’Italia

    Dal 14 maggio al 30 giugno Simone Padoan metterà a disposizione il suo talento e la sua creatività per una serie di appuntamenti gourmet: dai progetti benefici, passando per gli accostamenti di pizza e bollicine, fino ad arrivare in Alta Badia per unire la passione per la lievitazione a quella per lo sport. Dopo una

  • Cibi pazzi o junk food?

    Cibi pazzi o junk food?

    Vi ricordate gli esperimenti folli del junk food, fatti di panini Lego e sushi al Kit Kat? (vai all’articolo) Beh, il fenomeno sembra proprio non arrestarsi ma, al contrario, incrementarsi. Nonostante le tante tendenze degli ultimi tempi a mangiare sano, lo junk food continua a far scalpore e non cede il passo al bio, tra

  • I nuovi migliori ristoranti d’Italia secondo la Guida Michelin

    I nuovi migliori ristoranti d’Italia secondo la Guida Michelin

    E’ ora disponibile la nuova Guida Michelin ai migliori ristorantio d’Italia, edita in collaborazione con il Consorzio del Brunello di Montalcino, che quest’anno celebra 50 anni dalla data di costituzione. I migliori ristoranti d’Italia – Le stelle della Guida Michelin, comprende tutti i 342 ristoranti stellati della Guida Michelin Italia, immediatamente localizzabili nella mappa d’Italia

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website