|  |  | 

FOOD In primo Piano

La Settimana della Cucina Italiana sbarca in Cina

Stampa Articolo

Al via la kermesse del gusto italiano in tutte le più grandi città del paese del dragone rosso. Dieta Mediterranea ed Emilia-Romagna protagonisti

Un successo come quello dell’anno scorso non poteva passare inosservato: dal 20 al 26 novembre torna la Settimana della Cucina Italiana in Cina, con oltre 100 eventi che animeranno le principali città del paese più popolato al mondo. Decine le iniziative, tutte con l’obiettivo di promuovere le tradizioni culinarie ed enogastronomiche italiane, veri segni distintivi, nel mondo,  della nostra identità e cultura. Seminari, corsi di cucina e degustazioni per far conoscere al pubblico asiatico il meglio del “Made in Italy”: un programma fitto ed emozionante, cha racconterà l’agroalimentare del belpaese, i territori a esso legati e più importanti itinerari dell’arte culinaria italiana.

“Quest’anno – spiega Ettore Francesco Sequi, Ambasciatore d’Italia a Pechino – offriremo ancora più eventi e di qualità  maggiore rispetto alla scorsa edizione. Punteremo sui temi della dieta mediterranea e della sicurezza alimentare, che rendono l’Italia il Paese più sano al mondo, secondo alcuni prestigiosi studi internazionali”.

Inoltre, sono previste numerose iniziative a sostegno di due prestigiose candidature: quella dell’arte dei pizzaioli napoletani a Patrimonio Immateriale Unesco, così come l’iscrizione alla lista del patrimonio mondiale delle colline del Prosecco a Valdobbiadene.

“Avremo anche il piacere di accogliere in Cina il Presidente della regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, che guiderà una delegazione di cui faranno parte molti imprenditori, oltre allo chef stellato Massimo Spigaroli, testimonial della Settimana della Cucina in Cina”, ha concluso l’Ambasciatore Francesco Sequi.

“Questa missione speciale – ha aggiunto infine Amedeo Scarpa, Direttore di ICE-ITA Pechino e coordinatore della rete uffici ICE in Cina – rappresenterà un’occasione unica per presentare gli straordinari prodotti e sapori di una Regione che vanta il più alto numero di indicazioni geografiche e prodotti DOP in Europa”.

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website