|  |  | 

Focus Chef FOOD

La cucina è donna: l’eccellenza delle Donne Chef

Stampa Articolo

Come troppo spesso accade, anche in tema di cucina si dà spazio e visibilità solo agli uomini. E si finisce istintivamente per credere che lo chef sia uomo per antonomasia.
La televisione, come sempre, contribuisce notevolmente a questa visione maschilista, lanciando trasmissioni e reality culinari con sole figure maschili (che poi non sia mai diventino anche dei sex symbol per le ragazzine). Questa è la volta di Cracco, Canavacciuolo e il resto della combriccola.
Preparatissimi, nessuno vuol sindacare su questo… ma le donne?!
Eppure da che mondo è mondo un tempo ai fornelli ci stavano solo le donne. I sostenitori del modello “maschio alfa” rispondo che “le donne fanno da mangiare, gli uomini cucinano”. Luogo comunque che lascia il tempo che trova.
Non c’è nulla di tangibile che indichi la maggiore capacità degli uomini in cucina, è solo una questione di modelli della società in cui viviamo, una società a lungo maschilista che solo da poche decine di anni ha cominciato ad ottenere i primissimi risultati in tema di parità di genere. E c’è ancora tanto da fare!
In tutti i mestieri, si sa, a parità di ruolo e livello gli uomini percepiscono stipendi superiori. Questo vale tanto di più nel mondo della gastronomia, dove gli chef uomini vengono strapagati rispetto alle colleghe donne, con un gap di stipendi che supera la media italiana legata alle altre professioni, pari al 16%.
E, come schiaffo morale al maschilismo, oggi Vie del Gusto intende stilare una lista delle 10 migliori Donne Chef attualmente in circolazione. Donne che rappresentano l’eccellenza della cucina al femminile.

 

CRISTINA BOWERMAN
Pugliese di origine, Cristina Bowerman si reca immediatamente a studiare cucina negli Stati Uniti. Terminati gli studi torna in Italia per approfondire la conoscenza della nostra cucina e viene immediatamente contattata da diverse strutture che volevano a tutti i costi la sua esperienza. Arriva alla direzione della cucina del “Glass Hostaria”, a Trastevere, Roma. Questa la convincerà a rimanere in Italia e non tornarsene negli Usa. Nel 2009 riceve due forchette dal Gambero Rosso e nel 2010 la Stella Michelin. Dal 2012 è anche guida della cucina di “Romeo Chef&Baker”, sempre a Roma. Nel 2013 viene nominata migliore chef donna d’Italia.

MARIANNA VITALE
Marianna Vitale ha quasi 37 anni. E’ di origine campana e, dopo essersi laureata in Letteratura spagnola, ha deciso di dedicarsi alla cucina, in particolare agli splendidi sapori della sua terra. Ha quindi aperto insieme al marito sommelier, Pino Esposito, il ristorante “Sud”, a Quarto Flegreo. Nel 2011 Marianna Vitale ha ottenuto la sua prima Stella Michelin. Nel 2015 è stata nominata la miglior cuoca d’Italia dalle guide ai ristoranti de “L’Espresso” e “Identità Golose”.
 

AURORA MAZZUCCHELLI
Aurora Mazzucchelli, 44 anni, nasce da una famiglia di ristoratori. E, complice la sua determinazione nel misurarsi con il contesto che la circondava, ha scelto di seguire gli studi alberghieri e, una volta terminati, è entrata a far parte dello staff del ristorante di famiglia, “Marconi”. Nel 2000, insieme al fratello, ne ha assunto la direzione. Nel 2008 è arrivata la prima Stella Michelin. Aurora fonda la sua cucina su ispirazioni provenienti da ogni parte del mondo, pur rimanendo legata all’Italia e alla sua tradizione culinaria.
 

VALERIA PICCINI
Valeria Piccini è una cuoca maremmana che guida i fornelli di “Caino”, a Montemerano. Con il marito Maurizio Menichetti conduce il piccolo ristorante. Valeria è al momento considerata tra i 5 migliori chef italiani.

FABRIZA MEROI
I piatti forti di Fabrizia sono senza ombra di dubbio quelli gourmet. Insieme al marito Roberto Brovedani conduce il ristorante “Laite”, a Sappada, nel cuore delle Dolomiti.

VIVIANA VARESE
Viviana, salernitana di provenienza, ha deciso di arricchire la gastronomia milanese con i sapori del pesce e della sua terra. Gestisce, in un team al femminile, con la maitre e sommelier Sandra Ciciriello, il ristorante “Alice”, di grande successo. Alice sta per trasferirsi a Eataly Milano.

MARZIA BUZZANCA
Un tempo Marzia Buzzanca possedeva due ristoranti a L’Aquila. A causa del terremoto del 2009 uno dei due locali è diventato inagibile. Con forza, determinazione e preparazione Marzia porta avanti l’altro, “Percorsi di Gusto”, dove, tra le altre cose, si mangia una pizza gourmet da campionato.

ALICE DECOURT
Alice Decourt si racconta da sé, con i viaggi che ha intrapreso che hanno ampliato le sue competenze. Papà francese, madre inglese, studi americani e un ristorante in Italia: l’Erba Brusca, a Milano.

AMELIA MAZZOLA
Amelia Mazzola gestisce un ristorante meraviglioso con vista su Capri, “La Torre”, il ristorante di famiglia nel piccolo borgo dell’Annunziata. La sua cucina è inevitabilmente ispirata alle ricchezze della sua terra.

VITTORIA AIELLO
Vittoria Aiello sin dal lontano 1992 gestisce, insieme a Gennaro Esposito, la cucina di “Torre del Saracino”. Famosa per i suo babà, è una pasticciera d’hoc.

 

a cura di Martina Bortolotti

Potrebbe interessarti anche Articoli

  • La pesca del tonno a Favignana: mito o realtà ancora possibile?

    La pesca del tonno a Favignana: mito o realtà ancora possibile?

    Venerdì 21 luglio, la “Farfalla delle Egadi” ospiterà nella sua storica Tonnara un importante convegno sull’avvio di una pesca ecosostenibile e sul valore di quest’ultima sotto il profilo turistico. L’ultima, vera mattanza di Favignana si è svolta negli anni ’70. Da allora, l’antica arte di pesca del tonno rosso è andata disperdendosi, ma si è

  • Street Food e cucina salentina: una nuova proposta a Lecce

    Street Food e cucina salentina: una nuova proposta a Lecce

    Con l’apertura di ‘Mamma Elvira Alla Scisa’, la cucina tradizionale pugliese incontra lo street food di qualità Una paninoteca e cucina da asporto che utilizza unicamente ingredienti tipici dell’eccellenza pugliese, rivisitati in un’ottica di cibo da strada. Una soluzione comoda, semplice e veloce per chi è di passaggio in centro storico e non vuole rinunciare

  • Vergnano forma i nuovi ‘sommerlier del caffè’.

    Vergnano forma i nuovi ‘sommerlier del caffè’.

    L’Accademia della torrefazione torinese è la prima in Italia ad ottenere la certificazione della Specialty Coffee Association Importante riconoscimento per Vergnano: l’Accademia della torrefazione torinese, prima in Italia, ha ottenuto la certificazione della Specialty Coffee Association (Sca), l’organizzazione che certifica a livello internazionale gli standard qualitativi in termini di formazione nel mondo del caffè. Un

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website