|  |  |  |  | 

CONSIGLIATI DI VIE DEL GUSTO Hospitality itinerari enogastronomici Top Locations

Ille-Roif: l’agriturismo dei vostri sogni!

Stampa Articolo

Esiste un luogo magico, da sogno, a Fara in Sabina, in provincia di Rieti. Un posto dove fuggire per il fine settimana, alla ricerca di relax e del contatto con la natura. Una meta romantica per concedersi un po’ di tempo per stare insieme.

Si chiama Ille-Roif, un agriturismo sui generis. Una struttura in mezzo al verde della campagna laziale, particolarissima, stravagante. A partire dai colori. Un agriturismo che sa egregiamente distinguersi da tutti gli altri e ora capirete il perché.

Ille-roif è dotato di 12 stanze. Ognuna di queste stanze ha un nome: trebuki, cubo, lava, ottorosso, asterix, tulipano, il cappello di pinocchio, onda, ovosodo, pappamamma, kiss me baby e tubo. Nomi insoliti, stravaganti. Ma l’aspetto più particolare è che sono stanze a tema! Da Marylin Monroe alla giungla più selvaggia, dagli anni ’70 agli aztechi, ognuna di esse vi propone uno stile e un’ambientazione e lascerà che vi ci immergiate all’interno! Non solo stanze ma anche… carovane! Tre per l’esattezza, esclusivamente per voi e il vostro soggiorno: mokkabotta, l’asina nina, stellastalla. Gli arredamenti e il design delle stanze e dell’intera struttura sono realizzati da artigiani professionisti che hanno curato ogni dettaglio. Tutte le stanze offrono ai visitatori delle grandi e suggestive vasche idromassaggio, per avere relax e intimità a portata di mano! Vasche di mosaico dai colori sgargianti, oppure scavate nella pietra. L’effetto sorpresa è garantito.

Ma anche l’esterno vi sorprenderà. Ille-Roif è un agriturismo per tutte le stagioni. Per i mesi più freddi ad attendervi ci sarà un centro benessere SPA con bagno turco, vasca idromassaggio calda, area relax in cui sorseggiare tisane e bevande comodamente sdraiati su letti, lettini, sedie che pendono dal soffitto e amache. Solo una parete di vetro vi separerà dal bosco circostante, per regalarvi momenti di relax con una vista da sogno. Una parte del centro benessere è inoltre riservata ai trattamenti SPA: massaggi di benvenuto, relax, decontratturanti, total body e molti altri. Ma Ille-Roif ha anche un’ottima versione estiva, offrendo ai suoi visitatori una meravigliosa piscina all’aperto, con chiosco bar e aree comuni con lettini e tavolini davvero ben curate.

E pensate che un luogo così magico non abbia pensato all’aspetto gastronomico? A viziarvi ci penseranno i cuochi! La mattina potrete fare la colazione a buffet in un luogo davvero unico: Dolodòn, il primo ristorante d’Italia sviluppato su altalene! Divertente, suggestivo, un po’ come tornare bambini. Il buffet è ricco e gustoso: torte di ogni tipo, ciambelloni, crostate, yogurt bianco… tutto rigorosamente fatto in casa! E l’offerta è anche gluten free e senza lattosio, per soddisfare le esigenze di tutti.

A pranzo e a cena verrete accolti in un locale caldo, per l’inverno, ma con vetrate che vi permettano di non perdere il contatto visivo con la natura circostante. D’estate invece si potrà mangiare “en plein air”, su un meraviglioso prato verde ben curato, e la sera a lume di candela. Pasti completi composti di aperitivo, antipasto, primo, secondo, contorno e dolce fatto in casa. I piatti sono straordinari. Non dimenticherete facilmente i tonnarelli cacio e pepe al pesto o i mezzi paccheri con i funghi. E il tiramisù scomposto che propongono è divino.

Potrete approfittare del soggiorno per fare un giro nei dintorni. A pochi minuti dalla struttura infatti incrocerete Farfa, un piccolo paesino medievale davvero molto carino e raccolto. Qui potrete visitare (con guida) l’abbazia di Farfa: una visita guidata che vi ruberà appena 50 minuti del vostro tempo lasciandovi scoprire qualcosa in più della storia del posto. Intorno all’abbazia ci sono anche piccoli negozi che vendono prodotti locali: l’olio extravergine di Fara in Sabina, il formaggio alle noci, piccante o al pesto ed erbe aromatiche, vino, miele, marmellate varie.

Insomma, un weekend da sogno tra natura, relax, cibo e romanticismo.

a cura di Martina Bortolotti

Potrebbe interessarti anche Articoli

POST YOUR COMMENTS

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Name *

Email *

Website